Home / Cronaca / Napoli, tigre fuggita dal circo. ENPA presenta un esposto in Procura

Napoli, tigre fuggita dal circo. ENPA presenta un esposto in Procura

“Una moratoria sugli spettacoli circensi in Italia. È quanto chiede al Governo l’Ente Nazionale Protezione Animali all’indomani della fuga di una tigre dal circo Lidia Togni attendato a San Giuseppe Vesuviano (Napoli). Contestualmente, l’Enpa ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Nola (Napoli) affinché la magistratura faccia chiarezza sul fatto – l’ennesimo nel nostro Paese – ed accerti le responsabilità del caso.

«Questo è il quinto episodio del genere che si verifica nell’arco di un anno e mezzo – spiega l’Enpa -; una frequenza decisamente troppo elevata perché si possa pensare ad una semplice casualità o a “incidenti” isolati. Il reiterarsi di tali fughe getta invece non pochi dubbi sulla capacità dei circensi di prendersi cura degli animali detenuti nei loro tendoni e sulla sicurezza di tutti, animali e cittadini.» Il primo a scappare era stata una giraffa ad Imola, poi deceduta dopo essere stata anestetizzata, seguita da due elefanti che a Roma sono riusciti – l’uno a distanza di un mese dall’altro – a varcare la recinzione della struttura circense. Infine, a metà aprile, era stata la volta di due zebre, recuperate in un vigneto del Reggiano.

«E’ evidente – prosegue l’Enpa – come situazioni di questo tipo mettano in pericolo l’incolumità degli animali, peraltro già costretti a sopportare quotidianamente la sofferenza della vita in cattività, e delle persone. Le istituzioni, non solo quelle locali, dovrebbero essere coscienti del fatto che finora solo un miracolo ha evitato che tali episodi si concludessero con una tragedia.» Per questo, l’Enpa chiede di sapere se siano stati effettuati tutti i controlli previsti per le strutture circensi dalla vigente normativa e più volte sollecitati dall’associazione, anche quelli relativi al rispetto delle prescrizioni previste dalla Commissione Scientifica Cites sui circhi e sulle modalità di detenzione degli animali, anche in ragione della tutela dell’incolumità pubblica. Al contempo, l’Ente Nazionale Protezione Animali chiede al Governo di stabilire una moratoria sugli spettacoli circensi che prevedano l’uso di animali, con l’obiettivo di tutelare la sicurezza pubblica e degli animali, prevenendo in tal modo il verificarsi di nuovi possibili “incidenti”.

«Occorre agire con urgenza – conclude la Protezione Animali – perché la prossima volta potremmo trovarci non a sollecitare un intervento, peraltro dovuto, delle autorità competenti ma a piangere il decesso di un innocente, indipendentemente dal fatto si tratti di un uomo o di un animale.»”.

Comunicato stampa pubblicato da ENPA.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

Un commento

  1. La moratoria sarebbe un concreto trampolino di lancio per la cosa più giusta da fare:
    Accettare unicamente e per legge solamente circhi senza animali.

    E’ l’uomo che deve esprimere la propria arte, meravigliosa aggiungo, gli animali non c’entrano nulla con tutto questo.

    Il Circo è bellissimo, ma SENZA ANIMALI.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.