Home / Addii / Milano: corpi di cani morti nel fiume Olona, forse smaltimento clandestino

Milano: corpi di cani morti nel fiume Olona, forse smaltimento clandestino

I corpi di diversi cani morti sono stati ritrovati all’interno del deviatore Olona: il fiume potrebbe quindi essere stato utilizzato come luogo di smaltimento clandestino dei resti.

Lo comunica il Corriere, che racconta del ritrovamento di due carcasse durante il recupero, qualche giorno fa, di un cane scivolato all’interno del deviatore (e purtroppo mai più ritrovato), nel Bosco in Città. Entrambi i cani risultavano di proprietà e morti lo scorso febbraio: i loro corpi erano stati, teoricamente, affidati ad uno smaltitore specializzato. Resta quindi da comprendere per quale ragione non siano stati inceneriti ma invece gettati nelle acque dell’Olona.

Non solo: altri resti sono stati individuati ancora più a sud, fuori dalla città di Milano, mentre non si esclude che ulteriori corpi siano attualmente ancora intrappolati nelle tombinature del canale, sottoterra.

La scoperta dello smaltimento illecito è stata particolarmente dolorosa per i proprietari dei cani trovati morti tra le acque. La prima famiglia, residente a Bareggio, provincia di Milano, aveva affidato i resti dell’animale morto a febbraio al veterinario perché venissero cremati. Il professionista, a sua volta, aveva trasferito la carcassa “in un centro dove si allevano cani”.

Il secondo cane trovato senza vita nell’Olona, peraltro, sarebbe un setter femmina di proprietà dello stesso allevamento e forse utilizzato come fattrice. Anche in questo caso, il suo corpo era stato consegnato ad uno smaltitore che avrebbe dovuto cremarlo.

Spiega il direttore del dipartimento veterinario, Luigi Festa: “Ci sono già evidenti difformità rispetto alle normative. Le carcasse di animali seguono le procedure dello smaltimento dei rifiuti speciali e dei sottoprodotti di origine animale tramite ditte specializzate. Il veterinario non può conferirle ad un allevamento. Né l’allevatore avrebbe potuto ricevere una carcassa senza contare che ogni passaggio va documentato”.

Al momento attuale, almeno altre tre carcasse sarebbero state ritrovate in una vasca all’altezza di Rozzano. Non è chiaro se siano ancora state recuperate e se verranno analizzate.

Foto: i Vigili del Fuoco procedono al recupero di uno dei corpi (fonte Corriere).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

Un commento

  1. Spero che sia accertati i fatti e ci siano degli indagati e processi per questo schifo.
    Se sono colpevoli, che vengano radiati dall’albo e vengano revocate le licenze.

    Disgusto assoluto.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.