Home / Addii / Olbia: cane di un anno e mezzo finisce travolto dal treno. Non sopravvive

Olbia: cane di un anno e mezzo finisce travolto dal treno. Non sopravvive

Si chiamava Filomena e aveva soltanto un anno, il cane di razza boxer morto dopo essere stato investito accidentalmente da un treno, ad Olbia. Il cane, che risultava microchippato, è stato ritrovato gravemente ferito e incapace di muoversi sui binari: l’urto violentissimo con il convoglio gli aveva provocato la frattura di due vertebre toraciche con interessamento della struttura midollare, una frattura mascellare, rinorragia, paralisi degli arti posteriori e stato grave shock.

A dare l’allarme sono stati gli stessi operai delle Ferrovie. La Polizia Ferroviaria intervenuta sul posto si è occupata di presidiare la zona in attesa dell’arrivo delle Guardie Ambientali, e Filomena è stata successivamente ricoverata presso una clinica veterinaria per la valutazione dei danni.

Una volta constatata la gravità delle lesioni, i medici hanno optato per l’eutanasia.

Secondo quanto trapelato, la boxer sarebbe riuscita a fuggire dal giardino dei suoi proprietari, forse in cerca della sua padroncina, una liceale. Quando ha attraversato incautamente i binari del treno, è stata travolta.

Foto: Filomena dopo l’incidente (fonte BuongiornoAlghero).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

2 Commenti

  1. Un vero peccato!
    Si dovrebbe stare più attenti ai propri animali di casa.
    E’ davvero importante curarsene e tenerli sempre in sicurezza.

  2. Una prece per questa creatura…

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.