Home / Addii / [VIDEO] Dossier: ecco le camere a gas per uccidere i maiali

[VIDEO] Dossier: ecco le camere a gas per uccidere i maiali

L’orribile trattamento riservato ai maiali destinati a morire nelle camere a gas è stato messo in luce da una nuova investigazione di Aussie Farms.

A causa della crudeltà inflitta agli animali, il più grande produttore di carne di maiale d’Australia, Rivalea, coinvolto nello scandalo, è stato costretto a iniziare una investigazione all’interno dei suoi stabilimenti.

Il filmato in chiusura di articolo, che contiene scene cruente, è stato prodotto dagli attivisti di Aussie Farms lo scorso febbraio ed è finalizzato a rendere pubblica la realtà di quella che dovrebbe essere la modalità “più compassionevole” di uccidere gli animali. Dopo aver visionato la documentazione video, l’associazione ha ritenuto opportuno consegnarla alle forze dell’ordine, tanta era la violenza mostrata.

Le riprese mostrano, tra l’altro, un maiale chiaramente affetto da disabilità, ossia incapace di raggiungere da solo la camera a gas, ripetutamente sottoposto a scosse elettriche con appositi bastoni e poi picchiato selvaggiamente da un lavorante del mattatoio.

Il direttore dell’azienda Rivalea, Mick Hewat, si è definito “sconvolto” dalla documentazione e ha confermato l’inizio dell’indagine all’interno dello stabilimento.

Il lavorante, la cui identità non è stata resa nota, è mostrato mentre afferra il maiale per un orecchio e lo strattona violentemente, fino a gettarlo dove può essere calpestato da altri suoi simili terrorizzati, anch’essi sottoposti a scosse elettriche ripetute. In altre riprese, un maiale viene colpito in faccia col bastone elettrificato prima che un altro lavorante gli torca l’orecchio per lunghi secondi, fino a farlo gridare di dolore.

Una volta fatti arrivare, brutalmente, all’interno delle apposite gondole di metallo i maiali vengono fatti scendere, a tre per volta, in un camera nella quale viene diffuso il gas letale. Qui, gli animali si agitano, gridano e si contorcono dal terrore mentre muoiono lentamente soffocati in quelle che vengono definite dalla legge “condizioni compassionevoli”.

Commenta l’associazione Aussie Farms: “Il gas è stato spacciato come metodo più umano per uccidere i maiali. Ma dopo aver visto queste riprese crediamo che sia opportuno rivedere la posizione: non esiste alcun metodo umano di macellarli. Le persone vengono ingannate, ed è il momento di dire la verità che per troppo a lungo è stata tenuta nascosta. Se la maggior parte della gente sapesse cosa realmente avviene in questi posti, non li supporterebbe in alcun modo. Quei maiali erano terrorizzati. Si udivano le loro urla dalla camera a gas. Sanno cosa sta per accadere e questa è la ragione per cui se ne vedono così tanti che cercano di saltare fuori. Non vogliono stare lì”.

Foto: fonte video.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

5 Commenti

  1. come si fa a commentare una cosa così con tono civile ……mha!!!!!!!

  2. Non c’è nessuna bontà nel mangiare la carne straziata di questi poveri animali…Quando finirà questa barbaria atroce?? Go veg!

  3. Vergogna VErgogna VERgogna VERGogna VERGOgna VERGOGna VERGOGNa V E R G O G N A
    Noi esseri umani se cosi ci possiamo chiamare siamo veramente delle Merde
    Nesuna pietà, crediamo di poter fare quello che vogliamo.
    Affinché non rispetteremo gli Animali il mono non cambierà mai

  4. Non so se avrò il coraggio di vedere il video… mi basta il fotogramma mostrato e la descrizione di quanto accade per star male… povere creature innocenti, quanta sofferenza dovete sopportare… mi chiedo sempre se finirà mai la vostra tortura… Perchè la gente non riesce a percepire che quando mangia carne mangia pura sofferenza? Vorrei tanto che queste immagini fossero trasmesse al tg in prima serata per scuotere le coscienze addormentate e indifferenti.

  5. che bastardi umani perche trattare cosi queste povere bestie che malehanno fatto uomini crudeli fate qualcosaper favore

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.