Home / Appelli / La Terra dei Fuochi colpisce duro: Sorrisino, il cane con addosso 4 chili di tumore

La Terra dei Fuochi colpisce duro: Sorrisino, il cane con addosso 4 chili di tumore

Che la Terra dei Fuochi sia nociva per la salute è, purtroppo, cosa ormai tristemente nota in tutta Italia e soprattutto per le persone che ci vivono. Qualunque creatura vivente risente del gravissimo avvelenamento del suolo e delle acque e Sorrisino è soltanto l’ennesima vittima.

Sorrisino è un cane che è stato ricoverato e operato d’urgenza lo scorso 14 aprile presso il CEV, Centro Emergenze Veterinarie di Napoli.

Aveva una massa tumorale di 3 chili e 850 grammi localizzata sulla spalla anteriore sinistra, quasi certamente causata dall’aver consumato acqua e cibi contaminati.

Prima di ammalarsi così gravemente, Sorrisino era un randagio che viveva all’esterno della discarica di Giugliano e che veniva accudito da alcune persone del posto. Una casa non ce l’ha.

La speranza di ENPA, ora, è che la trovi per non tornare ad avvelenarsi di nuovo.

Chiunque voglia adottare Sorrisino o chiedere informazioni su di lui, può inviare una email all’indirizzo annasalatiello@gmail.com oppure telefonare al numero 347 7655399.

Nella foto: Sorrisino e il suo tumore sulla spalla (fonte NapoliToday).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

2 Commenti

  1. Condivisione per Sorrisino!

  2. Mastrostefano Claudia

    Che cosa? La giostra dei pony?? Facciamola con le persone che hanno deciso tutto questo anche a +30º…… non sarebbe male……vero???

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.