Home / Dossier / [DOSSIER E VIDEO] Maiali sporchi, stupidi e cattivi? Nient’affatto. Ecco perché

[DOSSIER E VIDEO] Maiali sporchi, stupidi e cattivi? Nient’affatto. Ecco perché

Soltanto da qualche tempo a questa parte si è, giustamente, cominciato a parlare dell’intelligenza dei maiali. Da sempre relegati ai più bassi ed infimi livelli di considerazione dall’uomo, i suini sono purtroppo una delle specie più globalmente degradate, mortificate, abusate e torturate dalla nostra specie.

Ovunque nel mondo, o quasi, sono costretti per tutta la loro (breve) vita all’interno di allevamenti intensivi con nessuno spazio per muoversi, nessuna luce naturale e nessuna opportunità di comportarsi secondo la loro natura etologica. Non è un caso che delle tante investigazioni sotto copertura di cui abbiamo parlato, alcune tra le più violente abbiano per involontarie protagoniste proprio queste creature meravigliose.

Le vasche di gestazione in cui la maggior parte delle scrofe è costretta sono così minuscole che gli animali non possono neppure accudire i cuccioli che hanno appena partorito, perché non hanno modo di girarsi. I maialini appena nati sono castrati anestesia, e vengono mutilati di coda e denti – sempre senza anestesia.

Tutte queste brutalità, in una vera e propria psicosi normalizzata, sono inflitte regolarmente a creature che gli scienziati hanno dichiarato essere  più intelligenti dei cani.

Vediamo alcune delle caratteristiche che mettono meglio in luce l’intelligenza dei maiali, animali capaci di processi cognitivi molto complessi, di comprendere concetti astratti e quinti nella scala generale dell’intelligenza che vede al suo vertice la specie umana.

  1. I maiali sono in grado di utilizzare utensili. Uno studio condotto dal Professor Donald Broom dell’Università di Cambridge ha accertato che i maiali utilizzavano uno specchio sistemato nel loro ambiente per individuare il cibo riflesso e, diversamente, non visibile. Solo pochissime altre specie, tra cui delfini, elefanti e scimpanzé, sono state in grado di superare il test dello specchio o sono in grado di comprendere che gli specchi sono superfici riflettenti, e non finestre.
  2. I maiali sono in grado di giocare in maniera “avanzata”. Alla Pennsylvania State University, il dottor Stanley Curtis ha scoperto che i maiali sono in grado di giocare a video games utilizzando il joystick e sono capaci di “rappresentazione astratta”. Secondo il dottor Curtis, “nei maiali c’è molto più di quanto non crediamo, in termini di capacità di pensare, riflettere e osservare”. L’amore dei maiali per i video game è stato persino trasformato in una app per iPhone, Pig Chase, che può essere utilizzata per giocare da remoto con alcuni maiali reclusi nelle fattorie tedesche.
  3. I maiali riconoscono e ricordano le parole umane. Il dottor Curtis è stato anche in grado di educare e addestrare i maiali a svolgere tutte le attività normalmente svolte dai cani. I maiali hanno dimostrato di saper imparare con molta più rapidità comandi per loro molto semplici quali riportare un oggetto, sedersi, sdraiarsi, rotolare e persino distinguere gli oggetti nominati. Anche dopo anni dall’ultima “lezione”, gli animali erano ancora in grado di identificare ciascuno degli oggetti il cui nome avevano imparato.
  4. I maiali hanno una memoria d’elefante. Suzanne Held, una studiosa specializzata nell’analisi delle abilità cognitive degli animali “da reddito” e che lavora per l’Università di Bristol, ha scoperto che i maiali sono estremamente capaci di ricordare dove viene stoccato il loro cibo, oltre che di distinguere tra diversi pacchi. La Held spiega anche che i maiali “sono in grado di ricordare così bene questi dettagli perché, in natura, il loro cibo è suddiviso a macchia di leopardo e devono essere in grado di ritrovarlo con rapidità ed efficenza”.
  5. I maiali sono in grado di applicare tattiche complesse. La capacità di ragionamento di un maiale è tutt’altro che semplicistica ma, al contrario, è straordinaria. Una normale applicazione tattica di questa specie consiste nel seguire i loro simili alla ricerca di cibo e poi mettere in attico tattiche evasive per spingere i concorrenti fuori pista, distraendoli, in modo da raggiungere da soli il luogo in cui si trova il cibo.
  6. I maiali sanno gestire diverse temperature. Il dottor Curtis dell’Università dell’Illinois ha scoperto anche che i maiali non soltanto hanno temperature predilette, ma che sono in grado di accendersi da soli il riscaldamento in una stalla, se possono raggiungere il termostato e l’interruttore, di spegnerlo quando l’ambiente ha raggiunto la temperatura da loro desiderata.
  7. I maiali sono animali molto puliti. Contrariamente al credere comune, i maiali non sono affatto animali sporchi. Semplicemente non possono sudare, pertanto sono costretti a bagnarsi nel fango o nell’acqua per mantenersi freschi e idratati. Un guardiano di maiali costruì una doccia per gli animali, e loro impararono ad accenderla e spegnerla a loro piacimento.
  8. I maiali possono salvare la vita alle persone. Un maiale domestico di nome Pru salvò la vita alla propria umana tirandola fuori dalla palude in cui era caduta. Altri maiali eroici includono Priscilla, che salvò un ragazzino dall’annegamento; Spammy, che con le sue vocalizzazioni guidò i pompieri verso l’incendio nel quale il suo amico del cuore, un vitellino di nome Spot, stava rischiando la vita; LuLu, che riuscì a fermare un’auto di passaggio e a chiedere aiuto per la sua compagna umana, che aveva appena avuto un attacco di cuore; Tunia, che respinse l’aggressione di un rapinatore, e Mona, che tenne immobilizzato per una gamba un sospetto fino all’arrivo della Polizia. 
  9. I maiali sono degli inguaribili ottimisti. Nonostante la vita terribile che li costringiamo a sopportare, i maiali sono creature positive. La naturalista Lyall Watson scrive nel suo libero The Whole Hog: “Non conosco alcun altro animale che sia così curioso, così desideroso di vivere nuove esperienze, così pronto di accogliere il mondo con entusiasmo e ingenuità. I maiali, ho scoperto, sono inguaribili ottimisti e sono felici del solo fatto di esistere”.

Dovremmo imparare da loro.

Rivalutate le vostre scelte alimentare. Spezzate il ciclo della violenza.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

Un commento

  1. Grazie per quest’altro meraviglioso articolo!
    A dopo.
    E.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.