Home / Addii / Treviso: gli affidano 17 caprette appena salvate, lui le fa macellare. Denunciato

Treviso: gli affidano 17 caprette appena salvate, lui le fa macellare. Denunciato

Un allevatore di 60 anni di Zero Branco, in provincia di Treviso, e un suo amico di 65 anni di Scorzè (Venezia), sono stati denunciati per simulazione di reato e macellazione clandestina.

I due hanno infatti mandato al mattatoio 17 caprette che erano state ritrovate vaganti qualche giorno prima a Saonara, in provincia di Padova, invece di custodirle.

Una diciottesima capretta si è invece salvata solamente perché era stata affidata ad una famiglia.

La notizia è ancora più triste perché è confermato che tutti e 18 gli animali erano stati soccorso da alcune associazioni animaliste, che avevano ottenuto per loro la “grazia” dalla macellazione. Per questa ragione, l’allevatore non aveva alcun diritto di mandarle a morire al mattatoio: avrebbe dovuto solamente predisporne il ricovero e prendersi cura di loro.

La presa in custodia da parte del 60enne prevedeva infatti il divieto assoluto di abbattimento. Invece l’allevatore, forse pensando che nessuno se ne sarebbe accorto, ha pensato bene – con la complicità dell’amico 65enne – di vendere le capre, che sono state tutte sgozzate all’interno dell’allevamento di Zero Branco.

La scoperta dell’uccisione degli animali è avvenuta attraverso la targhetta identificativa posta all’orecchio dell’unico animale superstite. Una volta che i Carabinieri si sono presentati nella struttura dell’allevatore, hanno immediatamente notato che, di capre, non c’era neppure l’ombra.

Una volta assodato cosa era capitato loro, i due uomini sono stati immediatamente denunciati.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

9 Commenti

  1. AI VARI “ATTACKAMENT” (che ignorante! neanche attachment corretto sai scrivere?), “Aieie”, “staff”, “ZETA”, “PELO” e personaggi vari che vengono qui a fare gli imbecilli dichiarando quanto “godono che gli animali siano stati macellati”, sfoderano ricette, parlano di quanto hanno amato le costolette d’agnello la scorsa pasqua, per chiarezza, diciamo un paio di cose:
    1. innanzitutto GRAZIE di fare il nostro gioco, dimostrando (anche se non ce n’è bisogno) la vostra pochezza mentale e spirituale: è proprio la gente come voi che spinge quella come noi ad aumentare sistematicamente ogni anno!
    2. GRAZIE di regalare visite al nostro blog! Evidentemente non avete di meglio da fare che venire qua a scrivere le vostre stupidaggini infantili: che vita vuota!
    3. COMPLIMENTI per la vigliaccheria: non riuscite neanche a firmarvi col vostro nome, o a inserire un indirizzo email valido: coraggiosi solo dietro la tastiera, e solo fino a un certo punto, come sempre!
    4: GRAZIE di palesarvi di continuo, così possiamo procedere al ban immediato!
    5. i troll come voi sono diventati oggetto di studio, quindi CONGRATULAZIONI! Pensate che hanno scoperto che chi si diverte ad essere crudele in rete spesso è un sadico anche nella vita. chi prova piacere nell’infastidire gli altri è una persona disturbata, fragile, spesso vile, caratterizzata da tratti gravi di narcisismo, egocentrismo, machiavellismo (ci rendiamo conto che non siate molto forbiti: si tratta della tendenza a manipolare e ingannare), psicopatia nei suoi tratti di mancanza di empatia e inibizione e piacere nell’infliggere umiliazione e dolore agli altri (sadismo, appunto). Complimenti, siete veramente osceni! 🙂
    http://www.theguardian.com/science/head-quarters/2014/feb/25/internet-trolls-are-also-real-life-trolls
    http://www.smh.com.au/technology/technology-news/online-studies-warn-to-beware-of-trolls-20140423-zqvc8.html
    6. I vostri post e tutta l’attenzione che ci dedicate sono la dimostrazione che avete PAURA del cambiamento, che avete PAURA di chi ha il coraggio di opporsi a violenze che voi considerate normali, e che avete PAURA persino ad ammetterlo. Che vi rendete conto che le cose stanno cambiando e ne siete terrorizzati. Significa che noi ci stiamo muovendo nella direzione giusta.

  2. l’atto criminale di questi due pezzenti è chiaro a tutti, … ma vogliamo parlare dei deficienti che si credono animalisti e comprano dagli allevatori gli animali e poi li danno in adozione? Stanno facendo un sacco di danni questi pseudoanimalisti che comprano gli animali e alimentano un mercato di compravendita sotterraneo e redditizio!

  3. Brava Barbara, è questo il punto!
    Com’è possibile tutto questo?

  4. Elisabetta Lelli

    Mi sarebbe piaciuto scrivere UNA sola parola al “talebano non animalista”, che credo abbiate bannato, il quale non solo offende, ma non si prende neppure il disturbo di leggere, per capire come stanno i fatti.
    Ma probabilmente, il coso sembiante umano, ha un QI pari a -2.

    Un abbraccio e un bacio ai miei fratelli animalisti.
    E. (il pc è praticamente morto… Amen.).

  5. ed ora come la mettiamo con questi due deficienti?Fosse per me macellerei anche loro,tanto nessuno se ne accorgerebbe,in quanto il mondo essendo già pieno di deficienti .due in meno non farebbero neanche notizia.

  6. Che miserabili!

  7. I soliti italioti. Tanto la faranno franca come al solito (purtroppo)

  8. ma perché si danno gli animali così ad occhi chiusi?senza sapere nulla di queste persone?ieri il cane oggi le caprette ma…!!!!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.