Home / Addii / Shock Germania: pecora impiccata nel campo dall’allenamento dell’Hannover

Shock Germania: pecora impiccata nel campo dall’allenamento dell’Hannover

È shock in Germania dopo il ritrovamento di una pecora impiccata al cancello del campo d’allenamento dei giocatori dell’Hannover.

Alla vigilia del derby tra l’Eintracht Braunschweig e la squadra per il 30esimo turno della Bundensliga, l’animale è stato fatto ritrovare ucciso e verniciato coi colori dell’Hannover, con addosso un cartello: “Domenica tocca a voi, sporchi animali”.

Il direttore sportivo della squadra ha definito quanto accaduto “perverso”.

Durante la gara dell’andata, i tifosi del Braunschweig avevano vestito un maiale con la maglia degli avversari, ma almeno l’animale era vivo. Stavolta, invece, hanno superato qualunque limite di decenza, uccidendo una creatura indifesa e facendone ritrovare il corpo impiccato ad una cancellata, in bella vista.

Mesi fa un club kazako aveva sacrificato una pecora in campo. Ne avevamo parlato qui. La punizione? Una semplice tirata d’orecchie senza nessuna conseguenza.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

2 Commenti

  1. Elisabetta Lelli

    A casa mia si spegne la TV non appena inizia una partita di calcio (da Euro 2012 il calcio è morto!). Dopo Sochi, per quanto mi riguarda, è morto lo sport.
    “SPORCO” è chi ha compiuto questa schifezza! Non mi sento di chiamarlo anche “animale”, ovvio. Gli animali sono tutt’altro.

  2. Le vere bestie.
    Senza dignità né palle.
    Questo non è calcio, ma solo follia.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.