Home / Cronaca / Pordenone: botte da orbi ai manifestanti anti-circo. LAV: spedizione punitiva

Pordenone: botte da orbi ai manifestanti anti-circo. LAV: spedizione punitiva

“Domenica scorsa (30 marzo), nel tardo pomeriggio, alcuni attivisti che manifestavano contro lo sfruttamento degli animali nei circhi davanti al Circo Millennium, attendato a Pordenone, hanno subito una vera e propria deliberata aggressione da parte dei circensi.

Fatti gravissimi per le modalità e le conseguenze fisiche su persone pacifiche che civilmente hanno manifestato le loro idee.

Una vera e propria spedizione punitiva, secondo quanto raccontato da vittime, testimoni e riportato anche dalla stampa locale, messa in atto da tre addetti del circo che hanno dapprima circondato una delle auto dei manifestanti, tirando fuori con la forza gli occupanti fino a richiudere con violenza lo sportello sulla gamba di uno di loro, per poi picchiarli violentemente, e hanno poi proseguito rivolgendo la loro rabbia verso le altre persone intervenute. Bilancio: una ragazza con trauma cranico e una prognosi di una settimana, e altri quattro attivisti con volti tumefatti, labbra spaccate e traumi di varia entità.

Nonostante ciò assistiamo ad una giustificazione da parte dei circensi, consapevoli che i fatti avvenuti testimoniano un assalto violento, ingiustificabile e un atto penalmente rilevante che ora la Magistratura dovrà giudicare nella sua gravità.

Nessuna volontà di andare allo scontro fisico degli animalisti quindi, come dichiarato dai circensi che accusano gli attivisti della LAV di aver creato un clima d’odio intorno al mondo del circo. Odio che è però possibile trovare sulla pagina pagina Facebook dell’evento creata dagli attivisti della LAV e delle altre associazioni, sulla quale i “difensori” dell’attività circense hanno postato insulti e minacce, anche di morte, rivolte agli animalisti.

Quanto all’accusa di aver provocato una famiglia in lutto, precisiamo che durante il giorno di lutto identificato dallo staff del Circo Millennium, che ha sospeso gli spettacoli venerdì 28 marzo, le associazioni hanno annullato il presidio, in segno di rispetto. La manifestazione, invece, si è svolta durante un normale giorno di lavoro del circo  che aveva ripreso regolarmente le proprie attività di esibizione di animali e persone.

Daremo supporto legale a tutti gli attivisti della nostra associazione e alle altre persone coinvolte nella violenta aggressione, affinché si ponga fine alle aggressioni ormai intollerabili ed ingiustificate.”.

Comunicato stampa di LAV relativamente alle violenze inflitte dai circensi nei confronti dei manifestanti animalisti, avvenute lo scorso 30 marzo 2014 a Pordenone.

Foto: l’aggressione (fonte LAV su Facebook).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

4 Commenti

  1. Qui si vede tutto l’odio e la cattiveria di chi, per “mestiere” sfrutta gli animali senza pietà e quando la verità viene a galla ed esce lo schifo, non esitano ad arrivare ad usare la violenza contro chi legittimamente e nel rispetto protesta pacificamente e vorrebbe che ci fosse giustizia.

    Il circo è bello senza animali, quella è vera arte, tutto il resto è crudeltà, truffa e crimine, diffidare!

    Che schifo!

  2. dovrebbero addestrare i circensi ad essere uomini e non picchiatori

  3. La colpa è anche di chi frequenta ancora questi sordide manifestazioni! LEGGETE COSA DICHIARANO QUI, CIRCENSI E I GENITORI DEI BAMBINI, IN ATTESA DI ASSISTERE ALLO “SPETTACOLO” (bravi educatori, veramente bbbbbbravi, ‘sti genitori!):

    “Dai racconti dei circensi, che si potevano raccogliere ieri fuori dal tendone, emerge invece uno spaccato diverso. “Tutte le sere – era lo sfogo – passava gente a insultarci. Li vedete quei sassi? Ce li tiravano dalla strada. Ovunque andiamo è così o peggio. A questa gente non interessa nulla degli animali. A Mogliano, dove andremo ora, i commercianti non ci hanno fatto attaccare i manifesti perché dicono che poi gli animalisti rovinano le vetrine con la vernice”.
    E ancora: “I nostri animali nascono nei circhi, ce li scambiamo tra circhi e siamo i primi ad amarli. Spettacoli senza animali? Ci abbiamo provato ma non funziona, la gente non va”.
    E a darne riprova erano i genitori in fila. “Speriamo di entrate – diceva un papà guardando la figlia di tre anni –. Le ho promesso che avrebbe visto la zebra, non posso tornare a casa senza mantenere l’impegno.”

    SOURCE: http://messaggeroveneto.gelocal.it/cronaca/2014/04/01/news/circo-ultimo-pienone-senza-gli-animalisti-1.8967710

  4. I signori Orfei sono noti per la loro aggressività. Non so se qualcuno fra voi ricorda il feroce litigio intercorso fra Moira Orfei e Mino Damato, bravissimo e compianto/rimpianto giornalista e attivista, durante una puntata di Italia Sera, quando Damato si permise di esprimere il proprio fermo disappunto riguardo l’uso degli animali nei Circhi. La “turbantata” lasciò lo studio televisivo, tutta impettita, dopo aver rilasciato dichiarazioni a dir poco assurde, del tipo “i “miei” animali sono felicissimi” ed altre simili amenità.
    Questo fatto è in ogni caso GRAVISSIMO! Da una parte spero possa giovare anche a far muovere il culone ai politici. Che facciano in modo stavolta che in gabbia finiscano i colpevoli, non gli innocenti animali che, di certo, non sono mai stati “felicissimi” di fare i pagliacci!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.