Home / Addii / Controlli sui camion diretti ai macelli: multe per uno su due, sofferenze indicibili per gli animali

Controlli sui camion diretti ai macelli: multe per uno su due, sofferenze indicibili per gli animali

Continuano i controlli della Polstrada sui camion diretti ai mattatoi di tutta Italia: le violazioni degli ultimi giorni ammontano a oltre 130mila euro.

Secondo quanto riportato da NelCuore, negli scorsi giorni sono state 550 le pattuglie della Polizia Stradale che hanno effettuato controlli a campione sui veicoli che trasportavano animali vivi verso i macelli. La media di infrazioni è altissima: su 1650 tir controllati, sono stati almeno 800 quelli multati. In pratica, un mezzo su due non rispettava le normative sul trasporto delle “bestie da reddito”.

Attività come quelle condotte dalla Polstrada negli ultimi giorni sono oggetto di un protocollo d’intesa tra il Ministero dell’Interno e quello della Salute, datato 19 settembre 2011, che riguarda il “benessere” degli animali trasportati. Benessere comunque mai tenuto davvero in considerazione.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

4 Commenti

  1. Purtroppo nel mondo si stima che nei prossimi 40 anni se non sbaglio il consumo di carne raddoppierà nostro malgrado e ci vorranno miliardi di tonnellate di cereali che potrebbero andare all’Africa per esempio quindi c’è molto lavoro da fare.Eli sei mitica 🙂

  2. Si spera che piano piano tutto questo finisca, col cambio di abitudini alimentari ed altro, se non che alla fine bisognerebbe considerare tutti i contro devastanti dall’allevamento alla produzione ed al consumo di carne a lungo termine sugli animali, sull’ambiente e sulla salute delle persone.

  3. Elisabetta Lelli

    Ormai da tanto tempo non mi sfiora nemmeno il pensiero di mangiare qualcuno che è stato traumatizzato, terrorizzato ed ammazzato, prima di diventare spezzatino, o prosciutto, o altre “prelibatezze”.
    Oggi qualcuno avrebbe voluto mangiare un pollo, acquistato da mio padre ultra novantenne. Quel pollo è rimasto intatto, perché, dopo l’ennesimo invito a “servirmi”, ho detto: “Quello è un morto arrostito. Ed io non mangio morti cotti, o pezzi di morti cotti.”.
    Mi hanno guardato per un paio di secondi, con gli occhi sgranati. La prima ad allontanare il piatto è stata mia zia. Poi, a seguire, gli altri.
    Non mi vergogno di dire che ho dato una carezza a quel che restava di quella creatura.

  4. complimenti a tutte le pattuglie della polizia perche solo attraverso i controlli si puo sperare in una morte piu dignitosa e meno sofferta grazie

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.