Home / Addii / Zoo di Copenaghen fuori controllo: dopo il giraffino Marius, uccisi anche 4 leoni

Zoo di Copenaghen fuori controllo: dopo il giraffino Marius, uccisi anche 4 leoni

Lo zoo di Copenaghen tiene fede alla parola data e decide di ignorare qualunque protesta gli piova addosso in merito al trattamento degli animali detenuti. E, nel farlo, uccide quattro leoni – alcuni dei quali avevano partecipato al banchetto a base di Marius, il giraffino ucciso con un colpo alla testa e sezionato davanti al pubblico soltanto un paio di mesi fa (ne avevamo parlato qui).

Esattamente come nel caso di Marius, anche i leoni uccisi in questi giorni non soffrivano di alcuna patologia: la famiglia di predatori, composta da due leoni adulti e dai loro cuccioli, è stata “distrutta” in toto. La motivazione fornita dallo staff dello zoo, che ha proceduto all’eutanasia, è debolissima: i cuccioli “avrebbero potuto essere divorati da un altro leone maschio appena arrivato allo zoo”.

In pratica, a ben guardare, la famiglia felina è stata soppressa per far posto a nuovi esemplari. Animali come figurine; con la differenza che quelle doppie non si scambiano, ma si stracciano.

Questa la dichiarazione del luogo di detenzione: “Per la struttura naturale del branco di leoni e il loro comportamento, lo zoo ha dovuto praticare l’eutanasia a due leoni anziani e a due cuccioli che non erano cresciuti abbastanza per badare a loro stessi, perché i cuccioli sarebbero comunque stati uccisi dal nuovo leone maschio non appena ne avesse avuta l’occasione”.

I corpi sono stati fatti sparire in fretta, stavolta, e non sezionati di fronte al pubblico pagante che, in maniera meschina, continua a supportare questo genere di atrocità. Lo staff dello zoo di Copenaghen, minimamente scalfito dal rimorso né dalle critiche, si è addirittura dichiarato “orgoglioso che una delle cucciolate sia ora il fulcro di un nuovo branco”.

ENPA ha colto l’occasione, attraverso il suo direttore scientifico Ilaria Ferri, di chiedere al Parlamento Europeo di “fermare la barbarie e porre fine alle strutture di cattività in tutta Europa”.

Dubitiamo che l’UE, sorda ai massacri rumeni e ucraini, muoverà un dito in questo senso.

È possibile comunque firmare una petizione a questo indirizzo.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

8 Commenti

  1. Gioacchino, me lo sono chiesto anch’io…chissà cosa cazzo gli dice il cervello!
    Gli zoo andrebbero chiusi tutti quanti ce ne sono!

    L’Unione Europea è una truffa, rimane insensibile alle persone, figuriamoci agli animali (anzi…vedasi la direttiva vivisezione…che crudeltà l’UE!) che sono sempre gli ultimi degli ultimi.

    Mi viene da vomitare!

  2. Uno dei motivi per cui questa europa non ci piace!

  3. OT – ORA DELLA TERRA – OGGI, 29 MARZO!!!
    Amiamo la nostra unica casa… almeno per un’ora <3 !

    http://www.wwf.it/noi_facciamo/oradellaterra/

  4. No Zoo! No delfinari! No circhi con animali! No gabbie e innaturalezze di alcun tipo!
    E’ NECESSARIO NON FREQUENTARE QUESTI LUOGHI ORRENDI!!!

  5. non riesco proprio a capire minimamante il cervello bacato dei danesi che ucci dono dei leoni sani per farne arrivare di nuovi.Ho sempre saputo che i leoni vivono in africa e quindi la vostra nazione non è il loro habitat naturale,come voi non potreste mai vivere in africa

  6. fuoriiiiiiii che caz…… ma 2014 e una vergogna al pari dei paesi sottosviluppati

  7. zoo? direttoreuoriiiiii

  8. che commento si puo’ fare di questa gente ?? che meriterebbero loro di essere mangiati dai leoni si puo’ dire o suona troppo cattiva?

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.