Home / Cronaca / [VIDEO] Kurdistan, 19 cacciatori bruciano le armi: è ora di proteggere la fauna, non di ucciderla

[VIDEO] Kurdistan, 19 cacciatori bruciano le armi: è ora di proteggere la fauna, non di ucciderla

Secondo quanto riportato da OneGreenPlanet, 19 cacciatori del Kurdistan iraniano hanno letteralmente deposto le armi per proteggere gli animali del Paese.

La notizia è stata inizialmente lanciata da France24, che racconta che il drappello di cacciatori ha dato vita ad un gesto simbolico di grandissimo impatto: i fucili sono stati distrutti assieme a tutto l’equipaggiamento da caccia, le gabbie aperte e gli uccelli da richiamo liberati. Trappole e armi sono state poi date alle fiamme, in una pubblica dimostrazione nei confronti degli animali della nazione, ridotti in ginocchio tanto dalla caccia legale quanto da quella illegale.

La decisione del (purtroppo piccolo) drappello di cacciatori è sopraggiunta dopo che il Dipartimento dell’Ambiente iraniano ha pubblicato un rapporto in cui si evidenziava la grave crisi della biodiversità sul territorio. In particolare, ben 74 specie di fauna sono state poste in via di estinzione, con la richiesta di presa di coscienza della necessità di mettere in atto tutte le strategie necessarie a proteggere i pochi esemplari rimasti.

Tra le specie che rischiano di scomparire vi sono il ghepardo asiatico, la foca del Caspio, il cervo giallo iraniano, la zebra persiana.

Secondo il Dipartimento dell’Ambiente, sarebbero almeno tre le ragioni che hanno portato la fauna locale ad un quasi irreversibile declino: la prima e più significativa è rappresentata dallo sviluppo urbano e dalle attività umane, che include la facile reperibilità delle armi e il commercio di animali e parti di animali selvatici.

I cacciatori hanno, per loro stessa ammissione, contribuito attivamente alla perdita della biodiversità nazionale. Uno di essi racconta: “Non si vive cacciando, in Iran, a meno di non diventare un bracconiere e vendere specie specifiche che è illegale cacciare, come aquile e tigri. Mi rendo conto, ora, che ciò che facevo ha danneggiato la nostra fauna. Non ci sono quasi più pernici in quest’area. Le montagne qui vicino erano piene di capre selvatiche, e ora ne sono rimaste una dozzina. C’era anche un uccello meraviglioso chiamato Pteroclido, che costruiva i suoi nidi sulle montagne, ma nessuno ne ha più visto un esemplare negli ultimi quindici anni”.

“La caccia è ormai fuori controllo, e sta distruggendo la fauna”, continua il veterano. “Questo è il motivo per cui io ed altri cacciatori abbiamo deciso di fare da esempio, e di giurare di non uccidere più gli animali”.

Ad aiutare i cacciatori nella loro decisione è stato anche l’incontro con l’organizzazione ambientalista del posto, Chya, che ha parlato con ciascuno di loro per spiegare, in dettaglio, il gravoso prezzo che la fauna paga per il divertimento umano. Ora, i diciannove cacciatori pentiti lavorano accanto all’associazione non profit nella speranza di convincere altri ad intraprendere il “grande passo”, e addirittura fanno pressioni sul governo per revocare le licenze di caccia.

Bravi, grazie.

Nella foto: il rogo delle armi (fonte France24).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

6 Commenti

  1. Sempre meglio tardi che mai.
    Speriamo che non sia davvero troppo tardi e che di cacciatori pentiti ce ne siano sempre di più.
    Sì, purtroppo nella maggiorparte dei casi la coscienza si sveglia sempre tardi…

  2. si comincia così….

  3. Ops… l’avevo già postato?? :/

  4. OT – ORA DELLA TERRA – OGGI, 29 MARZO!!!
    Amiamo la nostra unica casa… almeno per un’ora <3 !

    http://www.wwf.it/noi_facciamo/oradellaterra/

  5. Una notizia splendida, un messaggio veramente importante e prezioso! GRAZIE <3

    # OT – WWF ORA DELLA TERRA – Sabato 29 Marzo (oggi!):

    http://www.wwf.it/noi_facciamo/oradellaterra/

  6. grandiiiiii

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.