Home / Cronaca / Trani, l’ex canile lager Dog’s Hostel non verrà dissequestrato. Lega del Cane: “Sollevati”

Trani, l’ex canile lager Dog’s Hostel non verrà dissequestrato. Lega del Cane: “Sollevati”

“Nonostante si temesse una sentenza del tribunale di Trani favorevole alla restituzione all’ex gestore del Dog’s Hostel, la struttura e gli animali restano affidati a Lega Nazionale per la Difesa del Cane. I cani, i maiali e i volatili, che in questi mesi sono rinati, non dovranno tornare al mondo di sofferenza nel quale hanno vissuto per tanti anni. “Ringraziamo il sindaco di Trani, tutte le associazioni e tutti i volontari che ci hanno sostenuto e hanno marciato al nostro fianco lo scorso 23 marzo nella grande manifestazione che ha avuto luogo per le vie di Trani” dichiara il Custode Giudiziario Emma Melica, consigliere nazionale LNDC.

La notizia ha fatto tirare un enorme sospiro di sollievo a tutti: la Lega Nazione per la Difesa del Cane, i volontari che hanno operato sul posto durante questi mesi, nonché i cittadini di tutta Italia che hanno fornito il loro sostegno. Il temuto dissequestro del canile lager Dog’s Hostel di Trani non avverrà ed è scongiurato il pericolo di un ritorno di quei poveri animali nelle mani del “signor” Malcangi, il gestore della struttura che per anni ha fatto soffrire 600 creature: la fame, la sete, l’assoluta mancanza di cure delle patologie di cui erano affetti.

Qualche giorno fa era stato paventato che la magistratura avesse dato via libera al dissequestro del Dog’s Hostel, dopo che nel novembre scorso il rifugio dell’orrore era stato tolto al responsabile della struttura a opera della task force del Ministero della Salute e del Nas di Bari, ed era stato affidato in custodia giudiziaria alle associazioni LNDC e UGDA.

A mettere la parola fine a questa tremenda eventualità di restituzione all’ex gestore ha provveduto il sindaco di Trani Luigi Riserbato revocando le autorizzazioni sanitarie necessarie all’esercizio dell’attività di rifugio per cani al legale rappresentante della società Dog’s Hostel; inoltre fondamentali sono state la dettagliata relazione prodotta dall’ U.O. per la tutela degli animali del Ministero della Salute, nonché l’importante documentazione fornita dalla Lega del Cane.

Quindi, grazie a tutto ciò, continueranno a occuparsi degli animali i volontari che in questi mesi si sono prodigati per riportare quelle creature a uno stato di benessere, nutrendoli, curandoli e facendogli recuperare la fiducia negli esseri umani.

“Sulla vicenda del Dog’s Hostel la Lega del Cane ha presentato una denuncia alla magistratura per la quale saranno chiamati a rispondere tutti coloro che hanno causato e permesso una situazione tanto grave quanto illegale. – Afferma Piera Rosati, presidente nazionale LNDC – Non ci arrenderemo fino alla conclusione di questa vicenda, quando tutti gli animali saranno collocati in rifugi degni, o meglio, come auspichiamo, non avranno trovato il calore di una famiglia che li adotti e li ami. Per sempre”.”.

Comunicato stampa ricevuto da Lega Nazionale per la Difesa del Cane.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

4 Commenti

  1. Bravo, Signor Sindaco! Grazie! E grazie a Piera Rosati, Presidente della Lega Nazionale per la Difesa del Cane, alla senatrice Paola Taverna M5S, a UGDA… GRAZIE a chiunque si sia battuto contro questa sconcezza e per avere adempiuto i doveri istituzionali… al posto di Regione, Comuni, e ASL —–> ma esistono, oppure sono invenzioni piglia quattrini??

  2. finalmente un sindaco con le palle

  3. Finalmente un VERO SINDACO.
    Finalm

  4. Se l’auspicata ripresa dell’Italia sarà fatta partendo dagli animali durerà molto di più di quello che si possa pensare!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.