Home / Cronaca / Monza: lasciò morire un cane sotto il sole, ora ha ridotto in fin di vita una capretta

Monza: lasciò morire un cane sotto il sole, ora ha ridotto in fin di vita una capretta

È recidivo l’aguzzino di una capretta trovata in condizioni di gravissima sofferenza a Monza: tre anni fa aveva lasciato a crepare sotto il sole il proprio cane, legato a catena.

E così, nell’incredibile realtà legislativa italiana in cui un aguzzino di animali non viene mai sottoposto al bando definitivo del loro possesso, ENPA Monza è intervenuta per sequestrare la povera capra, di giovanissima età e praticamente ridotta in fin di vita.

Il suo proprietario, un pastore, è stato invece (nuovamente) denunciato (a piede libero).

Sul posto, assieme ai volontari della Protezione Animali, sono intervenuti anche i veterinari che hanno subito riscontrato che la capretta, dell’età di circa due anni, soffriva di una grave mastite, di bronchite, di febbre alta, di dispnea, di denutrizione talmente grave da non permetterle neppure di alzarsi in piedi.

Le sue condizioni sono ancora gravi, ma starebbe migliorando. È attualmente in cura all’ASL e ci si può solamente augurare che, né ora né mai, verrà destinata al mattatoio: ha già attraversato l’inferno.

Nella foto: la capretta maltrattata (fonte IlCittadinoMB).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

7 Commenti

  1. A tal riguardo si ringraziano le istituzioni competenti in materia giudiziaria, il legislatore itagliano, poi il legislatore itagliano e anche il legislatore itagliano.
    Bravi!

  2. Cosa sipo fare allora. Che vedere ogni giorno crudeltà di gente ammalata e pazzi da negare. Non se ne può più.mamma mia

  3. Non e ‘un pastore ma un pirla,un pastore che si rispetti rispetta il suo gregge nonche suo capitale se e’ malata si elimina la sofferenza gratuita degli animali e sqilibrio e disturbo mentale .quello anche con i suoi famigliari e’ crudele e odioso poveri figli di questi soggetti

  4. Ha ragione DREA! Basta impuniti!

  5. Questa gente qua non solo non paga mai ma è sempre recidiva in materia di matrattamento di animali. Bisogna rinchiuderli a vita per evitare che nuocciano ancora! Ma siamo in Italia, si sa, si può fare ciò che si vuole senza assumersi nessuna responsabilità, chissenefrega se si tratta di esseri senzienti!!!

  6. Vogliano deciderci a chiedere una legge di iniziativa popolare per innalzare la soglia di punibilità per questi reati, almeno quelli dei
    recidivi, oppure seguitiamo a guardare e a piangere?

  7. Domani e dopodomani ancora, chi lascerà morire di stenti???????

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.