Home / Appelli / [APPELLI] Nembo Kid: un pastore gli aveva mozzato le orecchie con le forbici

[APPELLI] Nembo Kid: un pastore gli aveva mozzato le orecchie con le forbici

“Nembo Kid è un “regalo” di Ferragosto, abbandonato mezzo morto da qualche pastore, che gli aveva tagliato di netto le orecchie con le forbici.

Era disidratato, affamato, magrissimo, senza un pelo.

La cosa che mi ha colpito di più, però, non erano le sue condizioni fisiche, ma quelle psichiche: Nembo Kid non scodinzolava! E non c’è niente di più triste di vedere un cane che non scodinzola, apatico, svuotato…

Poi… pian piano si è ripreso, e soprattutto ha riacquistato fiducia nell’uomo, ha capito che quelle mani non danno solo botte ma anche carezze.

Guardate adesso come è diventato bello!

Certo, è un cane anziano (avrà almeno 10 anni) e di taglia grande, ma sono certa che da qualche parte c’è un posticino caldo e morbido anche per lui!

Si trova in Campania ma possiamo accompagnarlo anche al centro-nord.

Per info:

Macrina 320.8863131 macrina82@virgilio.it

oppure

Francesca 347.4897010 adozioni@ma-aversa.it

***

Francesca Oliva

Movimento Animalista di Aversa

Tel.: 347.4897010

Fax: 081.19318372

adozioni@ma-aversa.it

http://www.ma-aversa.it

C.C.Postale n. 76938539

intestato a “Movimento Animalista di Aversa”

IBAN: IT59C0760114900000076938539”

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

7 Commenti

  1. I pastori usano tagliare le orecchie ai cani per evitare infezioni o altri problemi, se non sbaglio, e aggiungo quanta ignoranza, se la natura volesse i cani nascerebbero con le orecchie già mozzate, ce ne vuole a non capire un cazzo!

    Inoltre è illegale il taglio delle orecchie e della coda in italia.

    Questo cagnolino è meraviglioso anche così, diffonderò tramite amici 🙂

  2. Elisabetta Lelli

    Lo so, amici. Purtroppo lo so. La mia domanda era assolutamente retorica 🙁

  3. Non puoi conoscere le generalità, elisabetta, e noi non possiamo pubblicarle – a meno di correre il rischio di una denuncia per diffamazione. soltanto a reato accertato è possibile farli. e con accertato, naturalmente, intendiamo accertato da un giudice.

  4. Chiarisco: è necessario rendere pubblici i nomi e i cognomi dei criminali, PRIMA che compiano i crimini! E’ necessario poterli fermare, o, almeno poterli fermare SUBITO!
    Che schifo, o Italia!
    OT – Oggi sono particolarmente incaXxata: ancora conseguenze grazie ai tagli sulla sanità (= pelle dei malati)! ma sì… continuiamo a mantenere l’ospedale privato di Palazzo Chigi!
    Sono NERA!

  5. Perdonatemi, io sono IGNORANTE. Qualcuno sa spiegarmi se la famigerata Legge sulla privacy è estesa anche a queste merde umane? E se io volessi conoscere le generalità di un maledetto che, bellamente, se ne va in giro a torturare animali (e chissà cos’altro), perché vorrei seguirlo, acchiapparlo sul fatto, denunciarlo…? Come dovrei fare?
    E’ necessario rendere pubblici i nomi e i cognomi delle bestie (ab)umane!

  6. Ma che caXXo di gente esiste a questo maledetto mondo?!?

  7. La crudeltà e la pochezza umana mi lasciano sempre più basita da un lato ma infuriata dall’altro! E per forruna ci consideriamo gli animali più intelligenti del mondo, anzi no! Dell’universo addirittura! E invece continuiamo a compiere gesti talmente barbari ed aberranti da non aver alcun significato se non l’abisso dell’ignoranza e della mancanza di empatia verso creature di gran lunga migliori di noi!
    Auguro a questo cagnolone una vecchiaia serena e tanto amore.. Appena potrò accedere a FB condividerò subito l’appello…

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.