Home / Appelli / [APPELLI] Dick, una storia di prigionia: 2880 giorni senza mai uscire da un box

[APPELLI] Dick, una storia di prigionia: 2880 giorni senza mai uscire da un box

“Forse voi che leggete potreste pensare che questa storia sia frutto di fantasia, ma non è così.

Quella di Dick è una storia assurda perché non è quella di un cane rinchiuso in un qualunque canile in cui si esce dal box, per una brevissima passeggiata, una volta al mese quando si è fortunati. No, il destino con lui è stato molto, molto più crudele.

Dick era ancora piccolo (un anno appena) quando è stato rinchiuso dal suo padrone, ormai defunto, in uno di quei canili. Forse il cucciolo pensava di andare a fare una passeggiata quando l’individuo l’ha portato in quel posto orrendo dove la puzza è forte, l’aria che entra dalle grate non è mai tanta, le celle sono strette e i cani sono costretti a fare pipì e pupù là dentro, devono per forza perchè nessuno li porta fuori, un uomo va a pulire ogni tanto nei box e loro sono costretti a vivere sempre in mezzo ai loro odori nauseanti. Forse pensava che il padrone l’avrebbe lasciato lì solo per un po’ e che poi sarebbe tornato a riprenderlo, così avrebbe fatto di nuovo tante corse sui prati… Chissà per quanto tempo Dick l’ha pensato, l’ha aspettato, l’ha sognato. Ma nessuno è mai più tornato a riprenderlo. Sono passati 8 lunghi anni, 2.880 giorni senza mai uscire, mai, da quel box infernale, fino a quando, un paio di mesi fa, Dick è riuscito a scappare. Sì, è scappato per passare dalla padella nella brace!

Dick, provvisto di microchip, è stato recuperato dai parenti del defunto che hanno pensato bene di rinchiuderlo in uno sperduto box di campagna, peggiore di quello del canile.

Chiuso in 5 metri quadrati, gli portano da mangiare saltuariamente ed il box viene pulito molto di rado, circa una volta ogni quindici giorni…

Dick trascorre attualmente le sue giornate scrutando l’orizzonte dei prati, dove la luce si fa più rosata, dove nascono gli arcobaleni…… senza riuscire a sentire il buon profumo dell’erba che cresce a pochi metri dalla sua fredda cella di cemento.

Dick è di una dolcezza disarmante, va d’accordo con tutti (cani e gatti), ha ormai circa nove/dieci anni e chiede solo di vivere in una casa, con una famiglia, fino alla fine dei suoi giorni…….

Vi prego, se avete un po’ di spazio, un po’ di buon cuore, adottate Dick e sarete ricambiati con un mondo d’affetto.

Adottabile in tutta Italia, verrà ceduto vaccinato e con microchip.

INFO: 349 8785687”.

L’appello originale per Dick è pubblicato a questo link.

Nella foto: il cane (fonte Dora Riz su Facebook).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

4 Commenti

  1. ma quanto fanno schifo queste persone

  2. Pienamente d’accordo con MARI.
    Coraggio, Dick, tesoro bello!

    ‘Notte a te, Mari. Ed anche a Johnny e allo Staff di A4A. Auguro un bel/sano sonno, pieno dei migliori sogni, insomma! Anche se credo che che un vero attivista dorma con un cellulare sempre accanto. Nevvero? 😉

  3. Forza Dick!

  4. In questo mondo malato sono gli innocenti a stare in galera, senza colpe e con tanto dolore…Spero che Dick possa trascorrere i prossimi anni nel calore di una casa e di una famiglia amorevole… condivido su FB appena possibile… Forza piccolo!!! 🙂

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: A causa di comportamenti scorretti e illegali di alcuni siti, siamo stati costretti a disabilitare la possibilità di copiare i contenuti del blog. Ci scusiamo con i lettori per il disagio.