Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Esche e bocconi avvelenati – il Ministero della Salute proroga di 12 mesi l’Ordinanza

Esche e bocconi avvelenati – il Ministero della Salute proroga di 12 mesi l’Ordinanza

“Lega Nazionale per la Difesa del Cane: E’ necessario che le norme contenute nell’Ordinanza siano recepite in legge.

Il Ministero della Salute, con ordinanza del 14 gennaio 2014 pubblicata  sulla Gazzetta Ufficiale del 3 marzo u.s., ha prorogato di 12 mesi l’OM 10 febbraio 2012 , recante «Norme sul divieto di utilizzo e di detenzione di esche o di bocconi avvelenati».

Questa ordinanza rappresenta uno strumento fondamentale per prevenire e contrastare un fenomeno che nel nostro Paese, sia in ambito cittadino che nelle campagne, ha dimensioni ancora allarmanti come testimoniano i continui casi denunciati. Ma per proteggere gli animali, la salute pubblica e l’ambiente è comunque indispensabile uno strumento ancora più efficace e soprattutto senza scadenza. E’ necessario, quindi, che le norme contenute nell’Ordinanza siano recepite al più presto in legge per renderle definitive.

Purtroppo sono ancora pochi i Comuni che adottato regolamenti e/o ordinanze sindacali che vietano e sanzionano l’utilizzo di esche e bocconi avvelenati, e affinché gli effetti dell’ordinanza siano davvero efficaci, è necessario che tutti i soggetti preposti a contrastare e reprimere il fenomeno – Sindaci, Asl, medici veterinari, Istituti Zooprofilattici, Prefetti – seguano le Linee guida emanate dal Ministero della Salute per standardizzare le procedure previste dall’Ordinanza stessa e uniformarle sul territorio nazionale.

Tra i punti fondamentali dell’OM ricordiamo che all’Istituto Zooprofilattico competente per territorio potranno essere inviati eventuali campioni anche in assenza del decesso dell’animale. Gli esami necroscopici dovranno essere effettuati 48 ore entro l’arrivo dell’animale deceduto, mentre le analisi dei campioni dovranno essere effettuate entro trenta giorni dall’arrivo. Si chiarisce inoltre che non solo l’invio delle spoglie degli di animali morti per avvelenamento e dei campioni, ma anche quello di esche o bocconi sospetti di avvelenamento deve avvenire tramite le Aziende Unità Sanitarie Locali competenti per territorio o le imprese convenzionate.”

Comunicato stampa Lega Nazionale per la Difesa del Cane.

Foto: repertorio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

2 Commenti

  1. Si, brava Elisabetta, come dici tu l’ordinanza dovrebbe essere esposta ben in vista in ogni luogo di appartenenza, ma quanti comuni lo faranno?
    Quello che mi fa arrabbiare è come mai gli avvelenamenti di animali – che sono estremamente frequenti e diffusi in larga parte del nostro territorio nazionae – non vengano riconosciuti ed introdotti nella nomea dei reati ambientati e puniti a rigor di legge.

    Ottima la possibilità di inviare all’Istituto Zooprofilattico del territorio i campioni anche in assenza del decesso dell’animale colpito da avvelenamento (sempre che chi di dovere poi, recepisca ed agisca)!

  2. Questa Ordinanza dovrebbe uscire fuori dall’ambiente animalistico, essere affissa e ben visibile sulle bachehe di ogni Comune (speriamo tutti aderiscano)! Veloci, però! Per una volta siano veloci!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com