Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Pisa: la Provincia di ripensa, stop alla mattanza delle volpi con la caccia in tana

Pisa: la Provincia di ripensa, stop alla mattanza delle volpi con la caccia in tana

La Provincia di Pisa, sottoposta ad un pesantissimo mail bombing da parte di attivisti e cittadini, ci ha ripensato: la strage delle volpi non avverrà.

L’obiettivo, fino a qualche giorno fa, era quello di cacciare oltre cinquecento volpi fin dentro le loro tane, senza troppo riguardo per mamme e cuccioli appena nati.

L’assessore Giacomo Sanavio cerca di rabbonire gli animi commentando: “Ho chiesto di revocare la determina. Pensiamo di poter esaminare la questione con maggiore serenità, soprattutto per il clima che è montato su questa vicenda. È cresciuta, rispetto al passato, la sensibilità per la tutela degli animali”.

Le volpi sarebbero state uccise in modo che non predassero la piccola selvaggina oggetto delle attenzioni dei cacciatori della zona.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

3 Commenti

  1. Caro Johnny,

    non voglio.. non posso dimenticare quelle brutte facce sghignazzanti e non posso dimenticare i corpi insanguinati di quelle volpi.
    Quelli, i miei compaesani, non sono uomini. Sono… cosa sono? Esiste una specie in cui li si possa classificare?
    E i mandanti? Sono forse migliori degli esecutori?

    https://www.facebook.com/photo.php?fbid=732916826741934&set=pb.272208269479461.-2207520000.1394300134.&type=3&theater

    *

    https://www.facebook.com/Contro.Caccia.Biodiversita/photos/a.177038059026962.47557.176967305700704/664515566945873/?type=1

  2. Sono d’accordo con te te Eli al 100%!
    Vorrei dire ai signori che rappresentano le istituzioni che sono stati chiamati a risolvere i problemi con decoro e non con superficialità.

    Ammazziamoli tutti, eh no cari signori, non ci siamo.

    LAVORATE, E LAVORATE BENE!

  3. Elisabetta Lelli

    Ci chiamano (anche) “frullapalle”, e probabilmente lo siamo, nel senso che non molliamo la presa. Ma qualcosa di buono viene fuori da tutti noi, uniti per loro, i nostri più cari amici.
    Alla mia città, Ascoli Piceno: PRENDETE ESEMPIO! E vergognatevi per quel che avete ordinato di fare!!!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com