Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Ancora sequestri di aziende agricole, stavolta a Latina: 60 gli animali maltrattati

Ancora sequestri di aziende agricole, stavolta a Latina: 60 gli animali maltrattati

Sono circa sessanta gli animali ritrovati in drammatiche condizioni di detenzione all’interno di una azienda agricola sequestrata a Latina.

A intervenire per porre fine ai maltrattamenti, lo scorso 26 febbraio, sono stati gli uomini del NIRDA (Nucleo Investigativo per i Reati in Danno agli Animali) e il Comando Forestale: il sopralluogo si è concluso con il sequestro dell’intera struttura e la denuncia all’autorità giudiziaria dei due titolari per i reati di maltrattamento di animali e abbandono di rifiuti.

Secondo le autorità, “gli animali erano detenuti in gravi condizioni igienico-sanitarie e più in generale in ambienti inidonei alle loro caratteristiche fisiologiche ed etologiche” e dunque si palesava una situazione definita di “grave maltrattamento animale”.

In particolare, nella struttura sequestrata sono stati ritrovati sei cavalli, trentaquattro tra capre e pecore, sei maiali, dodici cani e due bufalini (cuccioli).

Sono stati tutti sottoposti a sequestro giudiziario e non è chiaro che fine faranno, ma quel che è certo è che i cavalli erano tenuti in 30 o 40 centimetri di fango e letame e alimentati con scarti vegetali contaminati di deiezioni. Gli altri animali si mostravano denutriti, e immersi anch’essi in una vera e propria lettiera di escrementi e fango. I cani erano tutti legati a corde molto corte, incapaci di muoversi agevolmente.

Al momento soltanto le pecore e le capre si troverebbero ancora nella struttura mentre gli altri animali sarebbero stati trasferiti in varie strutture pubbliche e private della zona.

Foto: le autorità portano in salvo, in braccio, uno dei cani (fonte Quotidiano).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

5 Commenti

  1. Che tristezza, è vero che non passa giorno che non ci siano questi orrori.
    Non è giusto.

  2. Susanna, è possibile che gli animali cosiddetti “da reddito” vengano “distrutti” (macellati) ma non avendo certezza su cosa ne sarà di loro, non abbiamo potuto scrivere altro che “non è chiaro che fine faranno”.

  3. cosa significa “non è chiaro che fine faranno”?

  4. Mi associo a ciò che scrive Marilena, completamente.
    Eli

  5. In questo cazzo di paese non c’è mai fine a questi episodi di crudeltà. E poi ci indignamo con i rumeni, i cinesi ma guardassimo un po’ in casa nostra! Comunque un grazie di cuore agli uomini del NIRDA, al Corpo Forestale e ai Volontari: davvero se non ci fossero queste splendide persone gli animali sarebbero ancora più soli.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com