Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Firenze: il fenicottero che voleva migrare, e invece non volerà più perché ha colpito i cavi elettrici

Firenze: il fenicottero che voleva migrare, e invece non volerà più perché ha colpito i cavi elettrici

Probabilmente si salverà, ma di certo non potrà mai più volare il fenicottero che, negli scorsi giorni e mentre migrava, ha violentemente urtato i cavi dell’alta tensione. La vicenda arriva dalla zona di Firenze, nei pressi del lago di Bilancino.

Il fenicottero rosa è rimasto gravemente ferito mentre stava migrando in direzione della laguna di Orbetello, o forse verso la Sardegna, e il compagno che volava con lui – e che ha urtato gli stessi cavi – ha invece perso la vita.

Lui, ferito e pieno di sangue, è stato invece raccolto e soccorso ma forse dovrà subire l’amputazione dell’ala. In ogni caso, non potrà mai più fare ciò per cui è nato: volare.

Spiega il dottor Simone Scoccianti, veterinario che ha in cura l’animale: “Lo abbiamo medicato con antibiotici e antidolorifici, e ora è fasciato in modo che soffra il meno possibile. Abbiamo anche contattato un’oasi del WWF in Maremma e il CRAS di Semproniano per permettere che torni in una specie di libertà. Nelle sue condizioni è difficile sperare di più”.

L’alternativa, infatti, sarebbe una voliera. Una opzione inaccettabile.

“L’alta tensione provoca tantissimi casi di questo tipo, con ogni genere di volatile, anche notturno. Occorre porre rimedio per tutelare gli animali”, conclude il dottor Scoccianti.

Foto: il fenicottero ferito (fonte Corriere Fiorentino).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

Un commento

  1. nooo…ma poveri….speriamo in una collocazione protetta ma non in voliera…..

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com