Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Traffico di cuccioli dall’Est europeo: tre arrestati, compreso un veterinario

Traffico di cuccioli dall’Est europeo: tre arrestati, compreso un veterinario

Anche un veterinario è finito in manette in Lombardia durante il blitz della Forestale destinato a smantellare un’organizzazione dedita al traffico di cucciolo.

L’operazione delle forze dell’ordine, denominata “Operazione Maky”, ha portato ad una serie di arresti nell’ambito di un giro di affari che fruttava alla banda fino ai due milioni di euro all’anno con il traffico di centinaia di cuccioli dall’Ungheria e dalla Slovenia.

Anche un veterinario è stato arrestato: falsificava i dati anagrafici dei cani in modo da bypassare le leggi sull’importazione. Gli animali, strappati troppo presto alle madri e quasi sempre in condizioni di salute a dir poco precarie, spesso morivano a poca distanza dall’acquisto, che avveniva di norma presso una serie di per store.

Agli arresti domiciliari si trovano ora Giuseppe B. e suo figlio Massimiliano, rispettivamente di 55 e 36 anni ed entrambi gestori di un centro cinofilo localizzato in Cascina Santa Brera a San Giuliano Milanese, e il veterinario 45enne Alessandro V. Le generalità complete dei denunciati, come sempre, non sono state rese note ma si sa che padre e figlio erano gli organizzatori del racket, mentre il veterinario era il falsificatore dei documenti.

Secondo quanto trapelato, la banda si recava nell’Est europeo fino a due volte al mese per trasportare cuccioli in condizioni indegne all’interno di auto a noleggio, per non dare nell’occhio.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com