Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / [VIDEO] La paura di un cane abbandonato per essere soppresso. Ma la storia finisce bene

[VIDEO] La paura di un cane abbandonato per essere soppresso. Ma la storia finisce bene

Il video in chiusura di articolo mostra i primissimi momenti di Ginger dopo essere stata lasciata come uno straccio vecchio in canile.

L’incrocio pitbull, una femmina giovane e di buon carattere, è stato abbandonato dal suo proprietario con esplicita richiesta che venisse eutanasizzato. La causa? Per il cane non c’era più posto e non sarebbe stato un problema se fosse stato sacrificato.

Il terrore negli occhi della cagna è palpabile e gli stessi volontari del canile, chini su di lei, lo dicono: “Trema come una foglia”. Ripetono, ad alta voce e verso la telecamera, che l’ex proprietario ha chiesto per lei la soppressione ma poi precisano: non lo faremo.

La storia di Ginger è una delle migliaia che capitano ogni giorno, un po’ ovunque: cani fino a quel momento benvoluti, “di famiglia”, che all’improvviso diventano un peso insostenibile e vengono gettati via come un giocattolo rotto. La differenza tra Ginger e i suoi simili sta solo nell’occhio di una telecamera, che inquadra e immortala il suo dolore.

Ginger, di un’età stimata di circa quattro anni, è stata con tutta probabilità sfruttata come fattrice – perlomeno a giudicare dalla condizione in cui sono ridotte le sue mammelle e la pelle del ventre. Probabilmente il suo “padrone” ha voluto sbarazzarsi di lei nel momento in cui non era più di alcuna utilità.

A filmare la scena è la volontaria Maria Sanchez che, impietosita, ha preso in stallo la bestiola e la terrà con sé fino a che una famiglia definitiva non verrà attentamente selezionata.

Spiega l’attivista: “Non avrà mai più quella paura negli occhi e non verrà mai più gettata via come se fosse spazzatura. Io non posso tenerla, ma di certo farò in modo che venga adottata dalla migliore famiglia possibile”.

Al momento, Ginger ha soprattutto bisogno di essere guarita nell’anima perché, a detta della Sanchez, “è molto spaventata quando si trova all’aperto” e, fondamentalmente, si sente al sicuro soltanto tra i muri chiusi della camera da letto.

In questo video potete vedere qualche secondo della sua seconda notte a casa.

Auguriamo a Ginger, che si trova negli Stati Uniti, tutta la fortuna possibile. Dai, piccola!

Foto: fonte video.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

5 Commenti

  1. Nessuna parola per i vigliacchi che t’hanno ridotto in questo stato, dolcissima Ginger.
    Sei una creatura splendida e tali sono le persone che si stanno occupando e preoccupando di/per te.
    Ti auguro di ri-acquistare fiducia in te stessa, tesoro bello… e ti auguro GIOIA!

    Un abbraccio a tutti gli amici.
    Eli

  2. Moltissimi idioti pensano che gli animali non abbiano sentimenti, quando invece basterebbe guardarsi allo specchio per vedere chi è la vera bestia.

    Sono felice che questa bellissima cagnolina sia al sicuro adesso, spero che possa trovare degna e definitiva sistemazione!

  3. Povera piccola, il suo terrore nei suoi occhi è cosi palpabile che fa male… Ma quella sottospecie del suo ex proprietario ha gli occhi per vedere? Non credo, per questo gli auguro di finire in miseria e dolore la sua meschina vita di merda.
    Forza Ginger, ce la farai a guarire il tuo animo addolorato e piagato, ti abbraccio!

  4. il proprietario restera’ impunito vergogna

  5. Ma come è possibile??? Una cagnolona così bella e così terrorizzata! Speriamo davvero in una famiglia adottiva super super per Ginger!!!!!!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com