Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Appelli / Chieti: Nicola, il cane che sembrava morto, “girato come un’elica sul guardrail”

Chieti: Nicola, il cane che sembrava morto, “girato come un’elica sul guardrail”

“Domenica 8 dicembre 2013 ho trovato questo cane simil Labrador disteso in una pozza di sangue, con il muso bianco a terra, occhi chiusi, in una stada totalmente buia a scorrimento veloce nei pressi di Casoli.

Sono passata in auto pensando alla tristezza di aver visto un altro cane morto sulla strada, poi dopo qualche metro non so cosa ma ho sentito che dovevo andare a controllare. Ho fatto inversione. I miei compagni di auto dicevano che era morto, che dovevamo tornare a casa, che non sapevamo cosa poter comunque fare, io allora ho pensato: “Beh… se è morto accerteremo che sia morto, se è ancora vivo chiameremo il veterinario”.

Tanto è stato che, appena poggiata mano sul muso del povero cane, lui ha aperto gli occhi.

Chiamati i carabinieri (se si chiama il 112 la denuncia è automatica ed il soccorso USL è obbligato a presentarsi e fare verbale) ho atteso il dottore. Il cane era stato investito, girato come un’elica contro il guardrail che gli aveva segato il muso da parte a parte, alzandogli la pelle fino sopra la fronte. Emorragia interna e schiena spezzata.

Per il tempo che mi allontanai un attimo per andare a prendere il medico all’incrocio, il cane, capendo che stavamo andando via iniziò ad ululare per non farsi abbandonare da solo lì come l’avevano lasciato. Da questo capii perlomeno che il cane era presente e che era anche cazzuto.

Arrivati i soccorsi ho pregato il medico di salvarlo, e pregare un veterinario USL che conosce solo la vita o la morte di un animale, significava la promessa che l’avrei preso io non appena fuori pericolo di vita, e così è stato.

Nicola (dal nome del veterinario USL a cui augurai di ricevere mille volte tutto quello che avrebbe cercato di fare per il cane) è un simil labrador, taglia media, pacifico come un’ombra, dimesso, coccolone all’inverosimile. Quando gli metti il cibo non lo prende dalle mani fino a che non lo poggi nella ciotola, e se lo accarezzi mentre anche sta mangiando lascia tutto per guardarti negli occhi mentre gli dai la tua attenzione. Non potrà più camminare e ora, anche se vive sulle trapunte morbide di casa, ha iniziato ad avere la prima piaga da decubito.

Oggi è venuto il mio veterinario, abbiamo fatto puntura di antibiotico e medicazione, messo il collare elisabettiano per non fargli leccare la ferita. Io il prossimo mese devo partire per gli Stati Uniti dove ho la famiglia ad attendermi, e qui mi occupo da sola di questo amore e dei miei altri cinque gatti e due cani (di cui uno malato del morbo di Cushing e di taglia grande) che verranno con me.

Adesso sto cercando con tutte le mie forze di trovare un’anima amorevole che possa adottare Nicola.

Inoltre il mio santo veterinario è disposto ad operare Nicola alla schiena poichè, avendo lui conservato le minzioni e altri movimenti muscolari, pensa che possa essere l’unico tentativo per cercare di dargli una vita migliore.

Per fare l’operazione necessito di aiuto nella veglia del cane, e dobbiamo farla subito prima che io parta, necessito quindi di altre 3 o 4 persone o quanti altri possano garantire una copertura oraria a turni aiutandomi a monitorare che il cane resti per tutto il mese successivo all’intervento stesso e senza alzarsi. Ho creato quest’evento per rendere possibile un miracolo e spero che da qualche parte arrivino quei super eroi che vivono nascosti in mezzo a noi ad aiutare me (che sto impazzendo) e questo cane che ha dimostrato di resistere ad un così brutto incidente e che proprio ora non possiamo lasciare andare.

Vi aspettiamo, vi stiamo aspettando, venite ! GRAZIE GRAZIE GRAZIE ♥”.

L’evento di Nicola si trova a questo link.

Vi invitiamo a partecipare, ad aiutarlo, ad adottarlo, o quantomeno a condividere la sua storia.

Nella foto: Nicola in questi giorni (foto evento Facebook).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

4 Commenti

  1. Sei una di quelle persone che rendono bello il mondo!! Sono troppo lontano per darti il mio aiuto pratico ma ti auguro tutto il bene del mondo e sono sicura che Nicola stara presto meglio!!

  2. che persona amorevole che sei non ci sono parole perringraziarti

  3. Lunedì Nicola farà le lastre ed abbiamo chiamato anche il Prof. Cuomo dell’Università di Teramo specialista della schiena vi ringraziamo per qualsiasi attenzione possiate avere per questo cane educato che ha resistito per così tante ore al gelo e al buio per ricordarci che non è mai finita fino a quando non è finita ! 😉

  4. Ho condiviso sul mio blog, ma il mio blog (lo ripeto), è un blog protetto/privato. inoltrerò l’appello anche tramite email.

    Ho riportato il link del vostro articolo e il link dell’evenyo Fb.

    Un abbraccio a tutti gli amici dei nostri migliori amici.
    E.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com