Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Grosseto: l’agnello sgozzato dai predatori sul cartellone. LAV: “Ipocrita e mistificante”

Grosseto: l’agnello sgozzato dai predatori sul cartellone. LAV: “Ipocrita e mistificante”

“Ipocrita e mistificante”. Così Giacomo Bottinelli, responsabile LAV Grosseto, definisce la Campagna di Coldiretti, Confagricoltura e Cia che mostra un agnello ucciso dai predatori invitando a ‘difendere gli allevamenti e le nostre origini’.

“Gli allevatori mostrino in primo luogo lo scempio che essi stessi fanno degli agnelli nel momento in cui li inviano al mattatoio – dichiara Bottinelli – invece di lanciare campagne violente che tra l’altro mistificano la realtà indicando nell’allevamento presunte origini di non si sa bene chi o che cosa”.

“E’ assolutamente necessario ribadire che i primi a fare strage di animali non sono i predatori, ma chi li usa a fini commerciali – prosegue Bottinelli – e nessuno che sia complice di questo scempio che stermina 700 milioni di creature ogni anno solo in Italia può accusare dei predatori di fare ciò a cui li porta il loro semplice istinto”.

“Il nostro dovere morale è riflettere sul dolore e sulla morte che causiamo agli altri, siano essi umani o meno, e sulla base di questo fare le nostre scelte. Non a caso l’ultimo rapporto Eurispes 2014, uscito proprio nei giorni scorsi, registra ancora un aumento di vegetariani e vegani che si attestano al 7% della popolazione nazionale”.

“In linea con i principi LAV invitiamo a questo punto con forza tutti a riflettere sulle proprie scelte alimentari e a boicottare ogni prodotto dell’allevamento maremmano e non solo, dalla carne ai formaggi, per salvare davvero gli animali e dire basta a questa voglia di sterminio degli allevatori che non sembra arrestarsi davanti a nulla e che vorrebbe la sola soluzione del fucile contro lupi e cani vaganti”, conclude Bottinelli.”

Comunicato di LAV Grosseto in merito al cartellone pubblicato in Maremma, e che riportiamo in apertura di articolo.

Foto: il cartellone “anti-predatore” (fonte LAV Grosseto su Facebook).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

5 Commenti

  1. Che schifo di paese è questo ???

    Sto seriamente pensando di andarmene…

    E’ uno schifo!!

  2. Che schifo, Johnny… Che schifo!

  3. maremmani

  4. Sono tutti impostori, ridicoli ciarlatani Elisabetta, a questi non importa nulla né delle persone, né degli animali, tantomeno dell’ambiente in cui vivono addirittura.

    Capiscono solo i soldi, e il potere che deriva da essi, il resto beh, è solo un contorno il più delle volte a loro sgradevole se non vi è profitto.

    Vergogna.

  5. Al Vicepresidente della Provincia di Grosseto, Marco Sabatini, che all’inizio di Gennaio dichiarava: “Uccidere il lupo, oltre che eticamente inaccettabile è un’azione illegale e perseguibile […]” vorrei chiedere se, a distanza di un mese, sia stato fatto qualcosa!
    Non mi pare, visto che “compaiono”, legittimati, cartelloni di orribile stampo medievale.
    Attenti alla ferocia dell’ignoranza umana!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com