Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Francia: carcere per il ragazzo che torturava il gatto e pubblicava il video su Facebook

Francia: carcere per il ragazzo che torturava il gatto e pubblicava il video su Facebook

Si chiama Farid Ghilas, ha 24 anni e abita a Marsiglia, il ragazzo condannato per aver pesantemente maltrattato un gatto e pubblicato il relativo video su Facebook.

Il piccolo, di nome Oscar e di soli 5 mesi di età, nelle riprese veniva prima lanciato in aria e successivamente scagliato con violenza contro la parete di un palazzo.

Contro Ghilas sono state raccolte oltre 280mila firme, consegnate successivamente al presidente francese Hollande dalla Brigitte Bardot Foundation: l’obiettivo era, chiaramente, che la brutale violenza non rimanesse impunita. E così è stato: contro il 24enne si è svolto negli scorsi giorni un processo lampo che ne ha confermato la colpevolezza. Il giovane, che ha già alle spalle ben otto denunce per violenza, è stato condannato ad un anno di carcere che dovrà scontare senza condizionale e non potrà più possedere animali domestici.

Non è chiaro cosa lo abbia spinto a prendersela con il micio. Si è limitato a dire: “Non so cosa mi sia preso, ho fatto il cretino, mi dispiace” durante la proiezione del video della violenza di fronte alla Corte.

Oscar, salvato da un passante, è stato tutto sommato fortunato: se l’è cavata con alcune ferite allo stomaco e una frattura alla zampa. Attualmente è ancora ricoverato, ma starà bene.

Nelle foto: Oscar con il suo aguzzino e dopo il soccorso (fonte DireGiovani).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

11 Commenti

  1. Povero gattino. Ma come si puo’ essere cosi’ CRETINI e CRUDELI? 24 anni buttati nel cesso. Io lo prenderei e lo seppellirei vivo sottoterra. Uno sterco in meno sulla terra!

  2. Sono felice che il piccolo gattino, Oscar se la caverà, e mi fa piacere sentire della condanna al carcere senza sconti.
    Ad ogni modo un anno è troppo poco.

    Almeno però, un anno è un anno in Francia, qui in italia un anno si riduce a 9 mesi per buona condotta….quando per grazia divina i criminali finiscono in galera, anzi, se e quando…

    W l’indulto, l’estrema indulgenza, l’impunità perpetua, la corruzione, prerogative tutte italiane

    Complimenti!

  3. la pena di morte ci vuole per quella testa malata, a cosa serve un anno di carcere…E’ un soggetto pericoloso quindi eliminatelo!!! Povera creatura indifesa, chissà quanto male e quanta paura….
    Melania Verona

  4. Allora c’è un giudice a Parigi! Bene spero davvero che si faccia tutto l’anno in galera questo emerito bastardo. Almeno in Francia pare che la giustizia funzioni: rapida, severa. E poi pensiamo al nostro bel paese…e allora non ci resta che piangere.

  5. Mooolto bene!!!! In galera e….compagni di cella pensateci voi a questo emerito cretino!Fategli passare per sempre la voglia di fare ancora simili ca…..te!

  6. Oltre ad un anno di carcere bisognerebbe tirare contro un muro anche lui

  7. troppo poco

  8. Questo video è per chi t’ha condannato!

    http://youtu.be/K0GhBiCkoqc

  9. Perlomeno per un anno questo demente se ne starà chiuso in carcere! Sarebbe bello che le pene detentive fossero più severe e che venissero applicate regolarmente anche in Italia!

  10. se i gatti hanno sette vite queste le ha usate tutte……povero povero cristianino…..sono contenta sia avvenuto ciò in francia almeno questo in carcere ci va…..quanto vorrei che in carcere incontrasse qualcuno molto animalista….a volte certi detenuti sono molto sensibili nei confronti degli indifesi…. speriamo…..auguri micino

  11. to mo!brutto idiota! ma ti lancerei io contro ad un moro di cementro armato con violenza!ti sta bene deficente!minimo un anno, io te ne darei minimo 20, perchè tanto uno non ti basta per riflettere delle tue cavolate. dovresti stare là dentro a marcire con il senso di colpa. DEMENTE

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com