Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Addii / New York: ci si prepara al massacro di San Valentino. A morire saranno i cigni

New York: ci si prepara al massacro di San Valentino. A morire saranno i cigni

A San Valentino, New York sterminerà i suoi cigni – considerati ormai alla stregua di animali invasivi dopo essere stati introdotti dall’Europa a fine Ottocento. Inizialmente considerati affascinanti, con il loro piumaggio bianco e l’innata eleganza, i volatili sono ora diventati “fastidiosi” tanto che le autorità ne hanno approvato l’eradicazione totale entro il 2025.

A Long Island, dove il massacro sarà prevalente, la gente è scontenta. Una cittadina di nome Marlene Feurring dichiara: “Non sono mai stata inseguita né attaccata da un cigno in 25 anni che vivo qui. Perché prendersela con gli animali selvatici?”.

Il Dipartimento della Conservazione pare comunque irremovibile e cita il “comportamento aggressivo” della specie, la sua distruzione della flora acquatica, l’inquinamento delle acque (!) e il pericolo che i cigni causano per gli aerei in volo come motivi principali dell’eradicazione.

Il Dipartimento dichiara: “Le feci di cigno contengono un alto livello di batteri coliformi, quindi la presenza di grandi stormi potrebbe avere un impatto sulle acque utilizzate per bere, nuotare e pescare”.

Chiosa in risposta la Wildlife Preservation Coalition: “I cigni che nuotano in un laghetto sono nulla rispetto ai bidoni di materiale settico di cui le rive sono circondate”.

Il Diparimento ha aggiunto anche che uccidere i cigni servirà a proteggere le specie indigene, ma l’associazione spiega che i volatili vivono a Long Island da quasi due secoli senza che sia mai accaduto nulla.

I cittadini del posto e gli attivisti per i diritti animali hanno già iniziato a protestare.

La mattanza, comunque, dovrebbe portare alla distruzione dei 2200 esemplari nello Stato di New York con metodologie che includono, tra l’altro, uccisione per armi da fuoco, cattura di esemplari vivi con successivo abbattimento tramite gas, e distruzione delle uova tramite foratura o “soffocamento” nell’olio.

L’esperto di fauna selvatica David Karopkin commenta: “È vergognoso cercare di sterminare un’intera specie che vive qui da quasi 200 anni. Ed è scandaloso pensar che 2200 cigni possano rappresentare una minaccia per uno Stato di 18 milioni di persone. Non esiste nessuno che sia stato ferito seriamente da un cigno, anche perché quando questi animali attaccano è quasi sempre per proteggere il nido o i loro pulcini. È la gente che dovrebbe avere più buonsenso”.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

6 Commenti

  1. non c’è una petizione da firmare?

  2. Purtroppo è un’altra conseguenza del Dio Denaro quindi bisogna distruggere tutto qualsiasi disturbo dopo i cigni ci saranno i gatti?,…meno male che il sindaco di new york ha origini italiane per di più della campania cioè di zone verdi perchè non gli spediamo qualche libro sulla campania felix,che ne dite?

  3. L’essere umano è una contraddizione in essere : peima li iporta peerhè sono belli e poi li distrugge perchè defecano! Magari se ci avessero pensato prima o avessero contenuto la prolificazione…… ma è troppo difficile

  4. Nel 2012, al Manlius Swan Pond qualcuno distrusse sette uova di cigno e ne danneggiò un ottavo. I residenti decisero di donare tremila Dollari a chi avesse fornito notizie sull’autore dell’atto.
    Onestamente non so come sia andata a finire. Di certo, al Manlius Village, nello Stato di NY, la pensano diversamente.

    http://youtu.be/DelC3oE2j6E

  5. Tutto esiste in funzione dell’essere umano. Persino il FATTO che l’essere umano si sta tagliando i cogl……cini con le sue proprie mani.

  6. è una follia ripensateci

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com