Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Addii / Libano: ecco la mostruosa strage di uccelli migratori di cui nessuno parla

Libano: ecco la mostruosa strage di uccelli migratori di cui nessuno parla

“Quello che accade proprio oggi in Libano è assolutamente impensabile per noi, e purtroppo ancora pochi ne sono a conoscenza. Per tale motivo vi chiediamo di diffondere il più possibile questo post col quale si segnala come tutto il tratto mediterraneo del medio oriente, corridoio naturale per le migrazioni degli uccelli, sia diventato sempre più una trappola per l’avifauna europea.

Questo accade nonostante in Libano la caccia sia teoricamente vietata dal 1995 a seguito di accordi con UE e ONU per la tutela degli spostamenti stagionali su quest’importantissima rotta.

Oggi il popolo migratore che sorvola queste terre si ritrova a dover affrontare orde di bracconieri armati con fucili a ripetizione che agiscono senza nessuna regola. Nelle foto raccolte dalla pagina di denuncia STOP Hunting Crimes in Lebanon si riconoscono rapaci come falchi pecchiaioli, bianconi, nibbi bruni, cicogne bianche, cicogne nere, aironi, che rappresentano alcune delle 143 specie di uccelli abbattuti ed esibiti sfacciatamente dai bracconieri sul web, in pose da guerrieri o componendo i corpi delle povere vittime in macabri disegni.

Attraverso lo strumento internet i promotori CABS e LEM (Lebanon Eco Movement) stanno sensibilizzando l’opinione pubblica, al fine di ottenere l’attenzione della stampa europea (che comincia timidamente a parlarne) e della stessa UE. Si spera così che l’Unione Europea, che investe milioni di euro per la tutela della biodiversità alata, faccia pressione sul governo libanese e sulle autorità locali per l’attuazione della giusta repressione del fenomeno.

Per questi motivi WWF Piemonte e VdA ritiene sia importante divulgare l’iniziativa e vi invita a diffondere e seguire la pagina www.facebook.com/stophuntinglebanon, anche in vista di eventuale petizione globale diffusa dalla pagina stessa, di cui non mancheremo di dare notizia e che sosterremo fortemente su questo canale”.

Comunicato di WWF Piemonte e Valle d’Aosta, come pubblicato a questo link.

Nella foto: cicogne uccise in Libano (fonte WWF Piemonte e Valle d’Aosta su Facebook).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

6 Commenti

  1. Bisogna semplicemente, a tipi come questo, SPARARGLI SUL “LORO”UCCELLO.

  2. PERCHE’ HANNO OSCURATO LA FACCIA DI MERDA DEL KILLER? VOGLIO VEDERE GLI OCCHI DI UN ESCREMNTO UMANO A CUI AUGURO UN ICTUS E CONSEGUENTE DEGENZA DA VEGETALE NEL SUO BEL LETTONE MATRIMONIALE

  3. La razza umana DEVE estinguersi!

  4. Perché questo massacro???

  5. Propongo una petizione internazionale per cercare di fermare questo orrore.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com