Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Addii / USA: ridurre un cane in polvere senza ucciderlo, o quasi. Storia di Big Girl

USA: ridurre un cane in polvere senza ucciderlo, o quasi. Storia di Big Girl

Negli Stati Uniti la storia di Big Girl sta facendo il giro della rete, assieme ad una petizione destinata al pubblico americano che chiede che gli aguzzini di animali vengano pubblicamente schedati in un apposito registro, in modo tale che ogni cittadino possa sapere chi gli vive accanto e nella speranza che episodi di violenza così estrema non si verifichino mai più, invece che quotidianamente, come purtroppo ancora accade nell’Anno Domini 2014.

Quando Big Girl è stata ritrovata, di lei non c’era quasi più niente: un cane pressoché polverizzato, così immobile e silenzioso da sembrare morto, ucciso dalla violenza dell’indifferenza.

La pagina Facebook Empty Cages Worldwide, che racconta la sua storia, la descrive “così ferma, così sottile e così fredda al tocco che i muratori la credevano senza vita. Ma questo pitbull di soli sei mesi era ancora vivo, sebbene a stento”.

Gli attivisti intervenuti spiegano: “Big Girl non ha mai conosciuto l’amore e la cura che speriamo ogni cane possa ricevere. Quando siamo arrivati aveva già dovuto sopportare un’agonia lunghissima e incomprensibile. Quando l’abbiamo trovata collassata a terra, pesava meno della catena alla quale era legata. Era evidente che fosse stata ridotta alla fame, perché era ridotta ad un mucchietto di ossa e il corpo, privo di grasso corporeo, era quasi nudo”.

Il veterinario che ha preso in carico Big Girl per il poco tempo che le è rimasto da vivere ha constatato che, all’interno dello stomaco del cane, non vi fosse altro che foglie, terra, un piccolo avanzo di pannocchia e delle feci secche.

La cucciola era stata lasciata a soffrire così a lungo che il suo corpo, sebbene ancora in vita, aveva cominciato persino a decomporsi tanto da mostrare quattro diverse generazioni di vermi che, piano piano, mangiavano via la poca carne rimasta.

“Quando, con la massima delicatezza, l’abbiamo sollevata da terra, ha emesso un gemito”, raccontano gli attivisti. “Non poteva vederci né sentirci, ma speriamo fosse in grado di capire che eravamo lì per aiutarla”.

Le condizioni di Big Girl erano talmente gravi che è stato necessario porre fine alle sue sofferenze con un’iniezione.

La speranza degli attivisti per i diritti animali in America è, per il 2014, l’istituzione di un registro federale che classifichi gli aguzzini di animali al pari dei sex offender, ossia gli aggressori sessuali.

Noi, ovviamente, siamo concordi.

Nella foto: le condizioni di Big Girl poco prima dell’eutanasia (fonte Empty Cages Worldwide su Facebook).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

36 Commenti

  1. Se non si fa pulizia di questi rifiuti umani…
    Mi domando solo perchè.
    Perchè esistono questi aborti sociali?
    Possano estinguersi presto, dal primo all’ultimo.

  2. VOGLIO LA PENA DI MORTE PER DIO A QUESTI MALEDETTISSIMI BASTARDI
    DEVONO PAGARLA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  3. Altro che sex offender….questi crimini vanno condannati al pari degli omicidi! La vita è vita, senza distinzioni.

  4. giustizia vogliamo sapere chi e’ stato i nomi resi pubblici

  5. Perdonali biggirl tu che ne sei capace,io li odio quelli che fanno così ribrezzo

  6. Perdonaci Biggirl perdonaci

  7. Aveva solo sei mesi! Non aveva nemmeno cominciato a vivere!

  8. Gianfranco Barbuti

    Mi ha fatto piangere. Una sola parola Uccidete gli aguzzini dei cani.

  9. Odio odio odio!!!! Come si fa a maltrattare così tanto un povero cucciolo??????

  10. Perdonaci Big Girl. Riposa in pace.

  11. A EMANUELE.

    Big Girl, a “bestia”, di soli sei mesi di vita, è incatenata, senza la possibilità di mangiare, di bere, di ripararsi, di fuggire. La “bestia” muore lentamente, tra sofferenze atroci.
    Alla “bestia” sono inflitte torture e supplizi che mi ravvisano i campi di sterminio nazisti, quando i bambini furono bruciati nei forni, quando alle donne fu estirpata la possibilità di essere madri, quando gli uomini furono ammazzati per una parola in meno, per una parola di troppo, o perché tacquero.
    La “bestia” mi ricorda quelle persone, ridotte a numeri, con la testa rapata e gli occhi infossati e i piedi piagati e lo stomaco innaturalmente gonfio e i denti d’oro cavati e il Cuore spazzato via da ogni capacità di concepire un benché minimo aire alla vita.
    Considero mio prossimo Big Girl, la “bestia”, non il suo aguzzino.
    E mi avvilisce un pensiero, una certezza, anzi; la “bestia” non avrebbe odiato il proprio massacratore, perché la “bestia” è capace di amore e soltanto di amore, non della doppiezza disonesta dei buonisti.

  12. Credo ke far morire di abbandono un animale sia il peccato più grave……loro sono esseri indifesi ke dipendono da noi umani, e noi nn possiamo fingere ke nn ci siano xkè tanto sono animali…….loro sono migliori di noi possibile ke tanti nn l’hanno ancora capito? Spero ke ki fa questo abbia dalla vita sofferenza su sofferenza affinkè espii il marcio ke è dentro di lui

  13. Amo gli animali mi dispiace tantissimo per quella povera bestia però non arriverò mai ad odiare il mio prossimo chiunque esso sia la terra e già piena di ingiustizia e cattiveria l’odio ci sommerge cerchiamo di a limentatlo

  14. :-(((( io nn riesco a dir niente……

  15. barbara driussi

    si conosce il nome di ki ha commesso questa atroce azione? sicuramente un sadico… bisogna fare una legge severa per chi commette cattiverie sugli animali, sanzioni e punizioni esemplari!

  16. pena di morte a chi semina morte!!!!!!!!! specialmente verso delle anime innocenti e indifese che hanno la sola colpa di ESISTERE

  17. questi esseri schifosi che fanno del male gratuito agli animali non dovrebbero essere schedati ma gli si dovrebbe far passare le stesse cose che loro hanno fatto a degli esseri indifesi. La morte veloce x esseri spregevoli come loro sarebbe troppo poco..

  18. ……c’ e’ ben poco da commentare…sono allibito da quanta e gratuita violenza ci sia ancora in giro…su animali che vivono solo x amore dei suoi padroni……io ho un pelosetto di tre anni taglia media…..appena preso..tu mangi li sul divano no ne tanto meno sul letto…ora…a distanza di tre anni mangia sempre al suo posto dopo di me….ma ma ma quando siamo sul divano…Lui e’ in mezzo e a letto.. qualche volta….beh….e’ sotto le coperte con noi…..per quanto riguarda quei bastardi…..beh spero che il tutto gli ritorni con i dovuti interessi….ed allo stesso tempo spero di non incontrarli mai….per il solo e semplice motivo che non saprei a che livello potrebbe arrivare la mia furia……marco…

  19. bisogna fare qualcosa di concreto contro questi bastardi maledetti che hanno commesso questa crudelta’!!ci vogliono leggi piuì’ severe e punizioni piu’ severe!!!

  20. io non ne posso piu di versare lacrime ogni santo giorno di fronte a immagini come queste!!!!troppo dolore,troppo…………sono stanca. e il guaio e’ che piu vado avanti e piu spero che la Terra si ribelli all’essere umano e si salvino ,dall’estinzione,solo gli animali. L’uomo non merita di esitere. Dio ha fatto un grandissimo errore……non doveva darci il potere che abbiamo..doveva darlo a loro.

  21. Nooooooooooooo!!!!!!! Non è possibile, non ci posso credere!!!!!!!!!!!!! Se questo è un cane……

  22. questa gente non va schedata,ma bensi va eliminata ,in quanto sono degli esseri schifosi e nessuno ne chiederà il riconoscimento.

  23. Chiamami, Paolo, se dovessi essere uno di quei fortunati.

  24. Questo angelo vi avra’ gia’ perdonati nonostante tutto..io vi maledico,l’inferno sara’ sempre poco x voi! R.I.P. povera piccola..<3

  25. figurati elisabetta, siamo qui apposta 🙂

  26. Spero trovino uno che nei loro confronti usi le stesse maniere che loro hanno usato su quella povera creatura . Spero di essere uno di quei fortunati che li trovino .

  27. dai con la pedizione

  28. Bastardi…speriamo che il male che hanno fatto gli torni tutto indietro…io cmq mi chiedo sempre ma come cavolo si fa a fare del male a delle creature indifese?!!

  29. infatti abbiamo scritto che la petizione è destinata al pubblico americano 🙂

  30. Una cosa cosi disumana nn merita tanta considerazione ma al contrario quella piccola creatura merita tanta e tanta considerazione e sicuramente meritava sicuramente tanto amore . R.I.P

  31. Nessun insulto o parolaccia che mi metterebbero al livello di questi aguzzini sadici , spero però che li trovino e che la pena sia commisurata al dolore e alle sofferenze di questo piccolo angelo , al quale va tutto il mio amore per gli animali.

  32. Maledetti, maledetti, maledetti!!!

  33. Sono d’accordissimo a schedare questa gente meschina, ignorante e schifosa ma poi propendo per la pena di morte, nessuna pietà per coloro che commettono simili atrocità a danno di creature innocenti!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com