Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Traffico di cuccioli dall’Est: 33 piccoli ammassati in un furgone bloccato a Gorizia

Traffico di cuccioli dall’Est: 33 piccoli ammassati in un furgone bloccato a Gorizia

Provenivano dalla Slovacchia, i 33 cuccioli di cane ammassati in un furgone fermato a Gorizia dai Carabinieri. Si tratta dell’ennesimo tentativo di debellare l’annosa piaga del traffico di cuccioli di razza, importati dall’Est europeo per essere venduti, malaticci ma a caro prezzo, nei per store di tutta Italia.

Il furgone, non omologato per il trasporto di animali, era guidato da un quarantottenne di Ponzano Veneto, in provincia di Treviso, ed è stato fermato dagli agenti per un controllo di routine. I militari si sono insospettiti per i rumori provenienti dal cassone e hanno scoperto una serie di gabbie legate tra loro con una corda. All’interno, i cuccioli: trentatré in tutto e appartenenti alle razze più pregiate (Labrador, Barboncino, Yorkshire, Shitzu, Akita Iku, Chihuahua, Alaskan Malamute, Siberian Husky e Maltese).

Come sempre in questi casi, sono state riscontrate falsificazioni sulla documentazione dei piccoli e gli animali, in stato di grave sofferenza, sono stati prelevati e trasferiti al canile sanitario di Ponzano Veneto, che li ha ora in custodia su disposizione della Procura di Gorizia.

Il conducente è stato denunciato a piede libero per maltrattamento di animali.

Commenta l’europarlamentare Andrea Zanoni: “Siamo di fronte a un vergognoso commercio a scopo di lucro sulla pelle di esseri indifesi. Purtroppo non sono solo le pessime condizioni i trasporto che devono essere messe sotto accusa. Molto spesso vengono trovati cuccioli ancora da svezzare, mentre per essere trasportati dovrebbero avere un’età almeno superiore ai tre mesi. Accade invece che vengano sottratti all’allattamento materno già dopo circa 45 giorni dalla nascita e quando sono ancora totalmente privi delle difese immunitarie e ancora dipendenti dalla madre, con una altissima percentuale di possibilità di contrarre malattie mortali”.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

Un commento

  1. Continuo a stupirmi della ignoranza che pervade questa Italia piccola. Chi veramente ama gli animali (e desidera la sua compagnia), non fa distinzioni di “razza”! Un gatto, un cane, una cornacchia, un topolino… che siano a pois, a strisce, con certificati LOI e altre stronXate, sono tutti ugualmente bellissimi!
    Certa gente (= la richiesta/domanda) dovrebbe farsi trapiantare il lobo frontale, accidenti! Al massimo, vadano a comprarsi una borsetta, invece di un essere vivente, ‘sti modaioli citrulli!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com