Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Lecce: nutre i gatti randagi, viene minacciata di morte. Poi distruggono e bruciano cucce e ciotole

Lecce: nutre i gatti randagi, viene minacciata di morte. Poi distruggono e bruciano cucce e ciotole

Una volontaria di Lecce è stata minacciata fisicamente per aver dato da mangiare ad alcuni gatti randagi in via Tommaseo.

La vicenda è avvenuta qualche giorno fa, quando la donna si è recata presso la colonia felina per sfamare gli animali, scoprendo tra l’altro che molti gatti si comportavano in modo diffidente e terrorizzato.

Poco dopo il suo arrivo, la volontaria è stata minacciata da una donna, che le ha intimato di non azzardarsi più a portare cibo agli animali. Assieme a lei c’era anche un uomo, che ha a sua volta minacciato fisicamente l’attivista tanto da costringerla ad indietreggiare fino a farla cadere.

La donna si è così procurata una distorsione al piede e alla caviglia, senza tuttavia che questo facesse desistere la coppia dal suo intento: a furia di spintoni, l’attivista è stata costretta a cercare riparo nella propria auto.

A quel punto, l’uomo ha afferrato una sbarra di ferro e ha distrutto a sprangate le ciotole dei gatti, terminando poi l’aggressione con ulteriori minacce di morte alla volontaria.

Nel corso della tarda serata dello stesso giorno, le cucce dei gatti sono state date alle fiamme e non è escluso che un gatto che risulta sparito sia stato ucciso.

La volontaria, assieme ad altri attivisti, ha denunciato quanto accaduto alle forze dell’ordine, ricordando che le colonie feline sono tra l’altro tutelate per legge.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

4 Commenti

  1. Solidarietà e appoggio a chiunque si schiera per gli amici animali!

  2. Completamente d’accordo con quanto espresso da Gioacchino e da Johhny, che ringrazio per il link!

    Personalmente sono stata minacciata anch’io. E le forSe dell’ordine non m’hanno neppure ascoltato! Ma col cavolo che mi arrendo! Col cavolo!

  3. io personalmente dico a quegli esseri immondi che hanno fatto questa cosa che sono degli emeriti bastardi e che vorrei averli fra le mani

  4. Aggressione, lesioni provocate, minacce di morte, distruzione di beni privati, maltrattamento animale, stalking.
    Se questo in cui viviamo fosse un paese, questi due miserabili individui starebbero già dentro una cella aspettando un processo breve per direttissima e una dura condanna a svariati anni.

    Ad ogni modo vorrei linkare un interessante sito per denunciare crimini in maniera del tutto sicura ed anonima:
    https://irpi.eu/irpileaks/?lang=it

    Un augurio di guarigione alla Signora, non si faccia intimidire da squallidi balordi che dovrebbero essere già in galera!

    Vergogna!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com