Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / ENPA al Papa: è ora di dire basta all’utilizzo di animali nelle cerimonie religiose

ENPA al Papa: è ora di dire basta all’utilizzo di animali nelle cerimonie religiose

“Non utilizzare più gli animali e la loro vita per tradizioni ormai superate. E’ questo l’appello lanciato dall’Ente Nazionale Protezione Animali con una lettera aperta a Papa Francesco, dopo che una colomba – restituita alla libertà da due bambini alla fine dell’Angelus – è stata facilmente presa da un gabbiano e da una cornacchia, che in città sono predatori di questi volatili.

“Gli animali che sono nati in cattività, non essendo animali selvatici, non sono in grado di riconoscere i predatori come tali e sono quindi incapaci di fuggire da eventuali situazioni di pericolo – spiega l’Enpa – Reimmetterli in un ambiente a loro sconosciuto ed esporli quindi inutilmente a pericoli, condannandoli a morte certa, è inaccettabile, come testimoniamo le numerose proteste che stanno crescendo sul web.

Del resto – prosegue la Protezione animali – gli esemplari che nella loro vita hanno conosciuto soltanto la gabbia non hanno alcuna esperienza del mondo ‘esterno’; pertanto, anche se fossero così fortunati da sfuggire ai predatori, avrebbero sicuramente grosse difficoltà nel riconoscere tutti i pericoli della città, come ad esempio le automobili. Queste colombe, che sono esclusivamente di allevamento, non hanno certo i mezzi per sopravvivere in città e nell’ambiente naturale e non possono neanche utilizzare il mimetismo: il loro colore bianco, molto vistoso in natura, è proprio dovuto al fatto che non si tratta di animali selvatici ma provengono dalla cattività”.

L’Enpa promuove quindi in rete “una raccolta firme con la quale chiediamo, a quanti hanno a cuore la tutela degli animali, di condividere il nostro appello a Papa Francesco. Sappiamo che il Pontefice si è dichiarato sensibile alla tutela dell’ambiente e delle creature che lo condividono con noi, e che ha in progetto un’enciclica dedicata proprio al Creato e alla difesa della natura. Un’enciclica nella quale, siamo sicuri, non mancherà il riconoscimento degli animali quali cittadini a pieno titolo del mondo in cui tutti viviamo”.

Comunicato stampa di ENPA, relativamente alla recente uccisione delle colombe liberate da parte di una cornacchia ed un gabbiano.

Foto: le colombe aggredite (fonte IlPost).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

9 Commenti

  1. Bravo, Massimo! Hai ragione! Che dimostrazione di tristissimo degrado culturale, anche i casi dei lanci di colombe dopo il “sì”!!!

  2. Volevo dire che si usano purtroppo anche nei matrimoni onestamente è una cosa che non capisco,la prima cosa che dovrebbero avere due persone che andranno a costituire una nuova famiglia è il buongusto!

  3. Cavalchiamo la stessa onda, come vedi.
    E sì, attenzione ai “falsi profeti”, nessuno escluso. Personalmente dubito per non cadere nella fittissima rete di chi vuol raccontarmi che la verità è quella di cui molti sono certi… di cui io stessa sono certa.

    Di nulla per la petizione, Johnny.

  4. A quanto mi sembra dopo la decadenza estrema della Chiesa negli ultimi decenni, questa è forse l’operazione di marketing ai più alti livelli nella storia che serviva per recuperare consensi e plausi a tutto tondo.

    Spero di essere smentito dai FATTI e dalle VERITA’ che alla lunga verrano fuori su questo papa, Gesuita (per chi non li conosce, s’informi sulla storia dell’ordine), e di sbagliarmi di grosso anche se la puzza di bruciato l’ho sempre sentita da lontano.

    Nel frattempo…ripeto:
    “Attenti ai falsi profeti…” e non l’ho detto io, ma il vangelo.

    Grazie per il link della petizione Elisabetta 🙂

    Un saluto a tutti!

  5. A JOHNNY.

    Commento appropriatissimo, caro Johnny!
    E mi frulla (tanto) anche un pensiero. Visto che all’interno della Chiesa Cattolica Romana sono stati smascherati un sacco di “lupi rapaci”, (e quando non ce ne sono stati?), la Chiesa come Istituzione ha inevitabilmente subìto scostamenti massicci.
    Si aveva estremo bisogno di una figura “particolare”, che riconducesse all’ovile le pecor… i proseliti. Quale figura migliore si sarebbe potuta scegliere/nominare di un gesuita vestito di bianco, carta e ferro, il quale sceglie il nome di Francesco, il quale, senza tirare conigli fuori dai cilindri, non soltanto è capace di far rientrare le pecor… gli “evasi”, ma, addirittura, ne avvicina di nuovi?
    Quanto mi puzza tutto questo, sai? Quanto poco mi convincono le situazioni del “troppo”, ancor più delle situazioni del “troppo poco”!
    “Si raccoglie uva dalle spine o fichi dai rovi?”. Eh, no. Credo proprio di no.
    E spero TANTO di sbagliarmi…

    Buona giornata agli amici e a te, Johnny.
    Eli

  6. La Petizione da sottoscrivere contro questa pratica medievale è anche su Care 2,
    al link http://www.thepetitionsite.com/279/840/894/tell-the-pope-to-stop-releasing-peace-doves/

    A papa Francesco vorrei chiedere di essere VERAMENTE degno del nome che ha scelto!

  7. La Chiesa è peggio della mala politica, e a proposito del papa io riprenderei proprio un passo del vangelo di Matteo a mio dire incredibilmente vero al dì là del suo contesto ecclesiale:
    Matteo 7, 15-20

    “È assai sorprendente che le ricchezze degli uomini di Chiesa si siano originate dai principi di povertà.”
    C.L. de Montesquie

  8. Vediamo se questo papa interviene a favore degli animali!!! La Chiesa ed i suoi piún alti rappresentanti hanno sempre ignorato il tema… Dov’è la pieta? Dove il rispetto e la compassione per tutti gli esseri viventi? Esiste solo il dio uomo?

  9. ma da uno che sceglie di portare il nome Francesco mi aspettavo sicuramente( ogni tanto )qualche parola anche sugli animali…..forse ha pensato a un Francesco diverso…. 🙁

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com