Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Addii / Padova: cane sequestrato muore. Il proprietario ne aveva già maltrattati altri in passato

Padova: cane sequestrato muore. Il proprietario ne aveva già maltrattati altri in passato

Era già recidivo, il proprietario del pastore belga morto a Padova ad un mese dal sequestro, avvenuto lo scorso dicembre.

A darne notizia è stato, qualche giorno fa, il magazine Geapress che racconta come l’animale non sia riuscito a sopravvivere alle debilitanti condizioni in cui lo aveva ridotto il suo “padrone”. Denutrito, debilitato, col corpo cosparso di micosi e lesioni, il cane sarebbe morto a causa dell’aggravarsi di patologie mai curate come la leishmaniosi e la filaria.

Il primo a diffondere la vicenda è stato L’Eurodeputato Andrea Zanoni, che ora chiede una pena esemplare per il proprietario, già in passato protagonista di maltrattamenti nei confronti di un cane e di un asino che si erano conclusi esclusivamente con una sanzione di 1500 euro.

Evidente è, a questo punto, quanto la pena pecuniaria non sia servita a modificare le abitudini dell’aguzzino, che ha detenuto il pastore belga a catena corta per lunghissimo tempo prima che quest’ultimo venisse infine sequestrato.

Per Zanoni, questo è il classico caso in cui ad un cittadino dovrebbe essere preclusa, per sempre, la possibilità di detenere animali – come avviene già negli Stati Uniti.

“Mi auguro venga pronunciata il massimo della pena al proprietario del cane sequestrato”, ha dichiarato l’eurodeputato. “Ai casi di violenze gravi, oltre che una pena esemplare, bisognerebbe proibire di detenere animali, neppure un pesce rosso”.

Della vicenda, Zanoni ricorda soprattutto “il tristissimo epilogo” per un cane che, al momento del soccorso – dissero le guardie LAC che intervennero sul posto – “aveva lo sguardo di chi non riesce nemmeno a credere che stia capitando proprio a lui”.

L’augurio, ora, è che a livello europeo venga varata una legislazione precisa relativamente agli animali d’affezione e che ai soggetti recidivi come questo individuo venga proibita la detenzione di animali.

Nella foto: il pastore belga poco prima del sequestro (fonte Geapress).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

6 Commenti

  1. Ecco, tanto per cambiare, l’ennesima vittima di un orribile mostro! Speriamo che venga controllato in modo tale che non possa prendere altri animali, visto la fine che fanno! Quando guardo il mio piccolo “zoo” (si fa per dire!) personale, che, purtroppo, col passare degli anni, si è un po’ rimpicciolito, e vedo i miei cinque gatti, il mio cane e il mio coniglio così ben accuditi, così curati non posso fare a meno di pensare a coloro che non sono così fortunati: verrà mai un giorno in cui nessuno si potrà più permettere di far loro del male?

  2. Litaglianomedio la fa franca perchè altri itaglianimedi (una nutrita moltitudine, in numerosissimi ambiti) glielo permettono.
    Siamo messi veramente male.

  3. ma perché dico io devono sempre rimetterci gli animali a quattro zampe e mai quelli a due zampe ,che oltretutto sono i più pericolosi? La legge c’è e dice che chi maltratta un essere va punito con la galera,poichè se al posto di quel cane ci fosse stato un uomo,penso che il bastardo andrebbe in galera,quindi ……….

  4. L’ennesima storia di uno stronzo che la fa franca ai danni degli innocenti!

  5. E certo, Barbara… Non mi stupirebbe affatto! Per fortuna qualche anima bella esiste anche fra i politici…

  6. ecco adesso mi raccomando lasciate che ne prenda altri…….

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com