Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Appelli / Napoli: ha superato la notte il cane randagio preso a colpi d’ascia

Napoli: ha superato la notte il cane randagio preso a colpi d’ascia

Il cane preso a colpi d’ascia sulla parte posteriore del corpo nei boschi di Quisisana, a Castellammare di Stabia (Napoli), ha superato la prima, difficile notte.

Secondo quanto riportato da Il Gazzettino Vesuviano nel tardo pomeriggio di ieri, i veterinari dell’ASL che hanno preso in carico l’animale avrebbero lavorato in maniera assai dedicata per salvargli la vita, specie in considerazione delle gravissime condizioni in cui si presentava al momento del ricovero.

Il randagio ritrovato riverso tra le foglie, di cui abbiamo già parlato più dettagliatamente in questo articolo di ieri, era infatti praticamente in fin di vita. Secondo il team veterinario dell’ASL di Pompei che se l’è ritrovato davanti, presentava un fortissimo stato di ipotermia e aveva perso molto sangue dalla ferita, definita “orrenda”.

Il delicato intervento chirurgico seguito al ricovero è servito a ricostruire i tessuti muscolari recisi dal colpo, probabilmente inferto con un’ascia. Sfortunatamente, non è stato possibile salvare la coda – che è stata dunque amputata.

Nonostante l’animale abbia superato la prima, difficilissima notte seguita all’operazione e ora stia leggermente meglio, i medici non si sbilanciano ancora sulla prognosi perché consci delle complicazioni post-operatorie di cui è ancora necessario tener conto.

Se il cane, che pare dimostrarsi molto forte e attaccato alla vita, sopravviverà come tutti speriamo, verrà consegnato – una volta ristabilito – al canile municipale di Castellammare di Stabia, ossia il territorio comunale dove è stato ritrovato. Ovviamente la speranza è che il cane non passi neppure dal rifugio e riesca invece a trovare una famiglia che voglia prenderlo in adozione.

Chiunque fosse interessato può contattare il Servizio Veterinario Sanità Animale di Pompei oppure scrivere un’email a ferdinando.fontanella@ilgazzettinovesuviano.com.

Nella foto: il cane al momento del ritrovamento (archivio).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

12 Commenti

  1. AGGIORNAMENTI:

    Ho parlato al telefono con il signor Ferdinando Fontanella, il quale mi ha riferito tra l’altro della drammatica condizione dei Randagi (cani e gatti) nella zona fra Castellammare di Stabia e Napoli.

    Dumbo (questo è il nome che è stato dato al piccolo cane preso a colpi d’ascia), si sta riprendendo bene!
    Abbiamo intanto concordato sul creare un Appello affinché Dumbo, a guarigione avvenuta, abbia una degna famiglia umana.
    L’Appello sarà condiviso anche con voi, cari amici di A4A (con il vostro permesso, ovviamente).
    PURTROPPO ci sono altre notizie che non posso per ora riferire pubblicamente, per motivi di sicurezza e di privacy del signor Ferdinando!
    Posso soltanto dire che l’Italia NON è migliore della Romania, dell’Ucraina, nemmeno della Cina, a questo punto!

    Ringrazio di vero Cuore il signor Ferdinando Fontanella, brava e sensibile persona, alla quale auguro ogni bene!
    # VI PREGO, amici TUTTI, contattate questa persona e proponete anche voi il vostro AIUTO!

    Email del signor Ferdinando Fontanella:
    ferdinando.fontanella@ilgazzettinovesuviano.com

    Grazie!

    A presto per altri aggiornamenti!
    Eli

  2. A voi, amici cari! Ora non mi sento bene, (“piccoli problemi di ordinaria non salute”)… Più tardi vedrò di contattare il sig. Ferdinando Fontanella.

    Abbracci&Baci.
    E.

  3. ottimo 🙂 grazie elisabetta, aggiorneremo 🙂 preziosissima!

  4. # AGGIORNAMENTI!

    Eccomi, amici cari!
    Condivido con voi la conversazione intercorsa tramite email fra me ed il gentilissimo signor Ferdinando Fontanella, al quale ho chiesto preventivamente il consenso alla pubblicazione della stessa.

    Nota Bene: La lettura della conversazione va svolta dal basso verso l’alto, seguendo l’ordine cronologico della messaggistica.

    Un abbraccio fortissimo.
    Eli

    ***
    Certo che può pubblicarlo.
    Buon lavoro, Ferdinando.
    —– Original Message —–
    Da : “Elisabetta Lelli”
    A : “Ferdinando Fontanella”

    Oggetto : Re: Come sta??
    Data : Mon, 3 Feb 2014 11:57:58 +0100

    > Gentile Ferdinando,
    >
    > posso pubblicare il testo della Sua risposta?
    >
    > Lo pubblicherei ai commenti dell’articolo All 4 Animals,
    > al link
    >
    http://www.all4animals.it/2014/01/29/napoli-ha-superato-la-notte-il-cane-randagio-preso-a-colpi-dascia/?replytocom=21937
    >
    > Grazie! Poi la contatterò personalmente.
    > Elisabetta Lelli
    >
    >
    >
    >
    > —– Original Message —–
    > From: “Ferdinando Fontanella”
    >
    > To: “Elisabetta Lelli”
    > Sent: Monday, February 03, 2014 11:22 AM
    > Subject: re: Come sta??
    >
    >
    > Gentile Elisabetta,
    > ti ringrazio per questa mail, per l’interesse che dimostri
    > per lo sventurato cane di Quisisana.
    > Sabato mattina sono tornato alla clinica di Pompei per
    > accertare personalmente che il decorso post-operatorio
    > stesse procedendo bene.
    > Devo dirti, con grande sollievo, che Dumbo (è questo il
    > nome che i volontari hanno dato al cane ferito) sta molto
    > meglio. I medici mi hanno spiegato che si rimette presto e
    > accetta di buon grado oltre al cibo anche le dolorose
    > iniezioni di antibiotico.
    > Nella clinica è in compagnia di altri cani sfortunati
    come
    > lui, in particolare ho visto che era disteso sopra un
    > plaid e al suo fianco dormiva un cucciolo che con lui ha
    > legato molto. Una scena veramente commovente.
    > Ho chiesto anche se qualcuno si fosse proposto per
    > l’adozione, purtroppo come temevo nessuno si è fatto
    > ancora
    > aventi.
    > Qualora dovessero esserci novità ti farò sapere.
    > Ti saluto, buona giornata, Ferdinando.
    > —– Original Message —–
    > Da : “Elisabetta Lelli”
    > A :
    > Oggetto : Come sta??
    > Data : Mon, 3 Feb 2014 11:16:24 +0100
    >
    > > Gentile signore,
    > > la prego, vorrei avere notizie riguardo la salute del
    > > povero cane preso a colpi d’ascia… COME STA?
    > >
    > > RingraziandoLa anticipatamente per la Sua cortese
    > > risposta porgo distinti saluti,
    > >
    > > Elisabetta Lelli
    >
    > dott. Ferdinando Fontanella
    > naturalista e giornalista pubblicista

    >

    dott. Ferdinando Fontanella
    naturalista e giornalista pubblicista

  5. ciao Elisabetta, non riusciamo, ad oggi, a trovare ulteriori aggiornamenti purtroppo.

  6. Ho appena inviato una email all’indirizzo da voi indicato.

  7. Cari amici (tutti),

    qualcuno sa delle condizioni di salute di questa povera creatura?

    Grazie (che tristezza…).

  8. Ma perchè non viene punita la crudeltà? Possibile che non ci sia mai un ordine sensato?
    Ma che cazzo fanno?

  9. Scusatemi… volevo dire “chi è il VINCENTE”, non il migliore.
    Anche se questo piccolo cane è SICURAMENTE migliore di certe merdoline umane, anche se morisse sarebbe migliore di milioni di merdoline umane rinchiuse in una chiavica!
    Che rabbia!!! (2)

  10. Coraggio, piccolo! Guarisci! Coraggio! Fagli vedere chi è migliore, fra te e i luridi che t’hanno fatto questo, per la miseria!
    Che rabbia, dio mio!!!

  11. Silvia, viste le terribili notizie che quotidianamente leggiamo, mi viene da dire che purtroppo, a meno che non succeda qualche incredibile miracolo, non se ne uscirà mai!

  12. Inaccettabile questo getso compiuto da chissà chi…Finiranno mai queste perversioni??
    Povero cane, gli auguro di guarire e trovare qualcuno con un cuore!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com