Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Addii / Provincia di Campobasso: torturata e presa a fucilate Nerina, la cagnetta del paese

Provincia di Campobasso: torturata e presa a fucilate Nerina, la cagnetta del paese

Nerina, la cagnetta simbolo del paese di Salcito, in provincia di Campobasso, è morta dopo essere stata torturata e presa a fucilate.

Anonimi aguzzini l’hanno inseguita e raggiunta nella notte del 17 gennaio scorso, in concomitanza con le celebrazioni per Sant’Antonio Abate, ironicamente protettore degli animali.

Dettagli sulla vicenda non ce ne sono, ad esclusione delle osservazioni fatte da una cittadina del posto sul magazine online PrimoNumero: “Come può restare impunito chi maltratta, tortura e poi spara colpi di fucile verso un cane indifeso? Può un cane randagio ricevere una simile, barbara umiliazione? Eppure è successo”.

Nerina, “indifesa, è stata cercata e raggiunta da ignoti che si sarebbero messi in auto durante la notte fino a quando non l’hanno trovata, torturata e presa e fucilate. Lei che non infastidiva nessuno, e anche se l’avesse fatto come altri cani randagi, mai e poi mai si sarebbe meritata un trattamento e una fine del genere perché i primi animali sono proprio coloro che l’hanno uccisa”.

“Bastardi”, li definisce giustamente la cittadina. “Lei era l’unica che dava affetto a tutti e questa, paradossalmente, è stata la sua condanna a morte. Purtroppo i reati contro gli animali non vengono perseguiti, anche se le leggi ci sono. Ma chi le mette in pratica?”.

Nella foto: Nerina (fonte PrimoNumero).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

14 Commenti

  1. Sono d’accordo. Era bellissima nerina

  2. Ogni volta che tornavo a SALCITO sapevo che avrei trovato LEI, Nerina, ad accoglirmi come nessun’altro. Sapere che non c’è piu’ mi mette un grande tristezza. La porterò sempre nel mio cuore. Ciao NERINA.

  3. zarlenga michele

    E’ chiaro che qualcuno sa chi è stato, anche perchè non può aver agito da solo, quindi anche in forma anonima lo segnali ai carabinieri. La comunità deve sapere chi è stato per prenderne le distanze e isolarlo e metterlo alla gogna. Un saluto a tutti.

  4. gente di merda

  5. Il discorso delle taglie è interessante, ma il problema è che qui non si può fare, quì vige il garantismo.
    Sarebbe da indire una caccia grossa contro questi individui, sarebbe una cosa giusta visto che senza ragione questi animali vengono calpestati, massacrati, umiliati, ecc. da chiunque senza un minimo di pace.

    Dove cazzo è la giustizia?
    E il garantismo? E’ sempre a senso unico?

    Tutto questo è sbagliato, possibile che non ci sia qualcuno che lo vuole riconoscere?

  6. ..ma la volete smettere di sperare che venga fatto qualcosa per questi reati? ci vogliono delle taglie messe su questi individui per fermarli. Taglie consistenti. Ci penserebbero due volte prima di rifarlo.

  7. Una cosa davvero tremenda, orribile! Ma, dico io, possibile che in quel cavolo di paese non ci sia stata una, una famiglia col cervello a posto che potesse adottare la piccola?????? Quanti cani cosiddetti “di quartiere” abbiamo letto che hanno fatto una brutta fine? C’è da essere altro che inorriditi, incavolati neri, speriamo che prima o poi tutto ritorni ai mostri assassini!!!!!!

  8. Bastardi

  9. E’ inconcepibile tanta violenza verso una creatura indifesa ed affettuosa come Nerina, basta guardare i suoi occhi meravigliosi per capire la sua intelligenza e la sua anima. Mettersi poi sulle sue tracce per tutta la notte per poterla torturare ed uccidere è chiaro segno di sadismo e pericolosità! Che possano morire tutti coloro che hanno partecipato all’omicidio! Non ho altre parole e pensieri per tali schifossisimi personaggi.

  10. fulvia crescini

    Paesi violenti verso gli animali e privi di umanità e cultura, è ora di comunicare quante persone non vanno più nel sud Italia a causa della triste situazione degli animali randagi e dei canili lager, i sindaci devono saperlo! Il turismo ne fa le spese…..

  11. questa gente deve pagare sindaco ……… o chi ……… basta tiriamo fuori rispetto e giustizzia

  12. sono un campobassano doc che grazie a Dio vivo al nord da molto tempo,dove c’è una cultura verso gli UMANI a 4 zampe come DIO comanda,tuttavia devo dire che quegli ignoti bastardi dovranno pagarla cara sia in terra che nell’altra vita;ma ci pensate uccidere un cane oltretutto benvoluto da tutti proprio la notte della festa di s.Antonio Abate protettore degli animali e che oltretutto quel giorno ha ricevuto anche la benedizione come tutti glianimali,come da tradizione del posto

  13. Mi unisco a quanto detto da Silvia. E’ orribile. Coloro che hanno commesso un gesto simile dimostrano la loro vigliaccheria, infierendo su un essere indifeso e innocente. Spero che paghino per quello che hanno fatto se non per giustizia umana per giustizia divina.

  14. Mi unisco al coro della cittadinanza: BASTARDI!!! Non ci sono parole per questo gesto cosi infame verso un esserino indifeso come Nerina. Ovviamente nessuno pagherà…

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com