Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Addii / Palermo: ennesima strage di randagi per avvelenamento. I volontari: “Aiutateci”

Palermo: ennesima strage di randagi per avvelenamento. I volontari: “Aiutateci”

A Pioppo, frazione di Monreale, provincia di Palermo, si è consumata nel silenzio l’ennesima strage di randagi a colpi di bocconi avvelenati.

A denunciare il fatto è l’attivista Salvatore Libero Barone, che in un post su Facebook pubblica le foto dei dieci cani ritrovati senza vita.

“Tutti uccisi senza pietà”, commenta Salvatore, spiegando che il ritrovamento dei corpi è avvenuto in data 19 gennaio. Domenica scorsa.

“Siamo stati chiamati dai residenti del luogo che da tempo, a loro dire, denunciavano lo stato di degrado e abbandono di un casolare disastrato, ormai stracolmo di animali che vivevano fra i loro escrementi e tra rifiuti di ogni tipo. Qualcuno gli portava da mangiare, fino al giorno della strage, in cui una mano umana, fatale e vigliacca ha tradito definitivamente la loro fiducia”.

Barone parla della scena “raccapricciante” cui si sono trovati di fronte gli attivisti giunti sul posto: dieci cani a terra, ormai morti, tre soli sopravvissuti, di cui due recuperati ed uno, una cagnolina, fuggito.

“Cominciamo a chiamare le forze dell’ordine, ben consapevoli che sarà l’ennesima giornata lunga, lunghissima, perché qui è come nel Far West e non esiste niente, a meno che non odori e sappia di mafia”.

“Monreale, uno dei più vasti territori d’Italia, attraverso la sua Polizia Municipale giunta sul posto e i suoi veterinari dell’ASP Provinciale (mai venuti), ha ulteriormente confermato l’assenza sul territorio di Presidi Sanitari, di locali ambulatoriali, di rifugi, di canili e/o convenzioni con strutture private. È ancora una volta ben evidente come al sindaco Di Matteo e alla sua amministrazione comunale non importi un bel nulla degli animali che continuano a morire silenziosamente, perché avvelenati, impiccati, annegati, incidentati, ammalati, spesso fra le montagne di rifiuti inumani che ormai rappresentano una paesaggistica costante del territorio monrealese”, continua Salvatore.

I cani sopravvissuti al brutale avvelenamento di massa sono stati successivamente prelevati e trasferiti presso il canile municipale di Palermo dove, si spera, saranno al sicuro.

“Abbiamo fatto l’ennesima denuncia”, spiega l’attivista. “Chiederemo l’aiuto di tutti per l’adozione dei due sopravvissuti e soprattutto per informare, ancora una volta, il Ministero della Sanità. Lo potete e lo dovete fare tutti. Le leggi esistono ma vengono disattese. Sindaci, veterinari e amministrazione continuano ad essere fuorilegge, per colpa della gente che non denuncia e per colpa dei magistrati che cestinano e che, nonostante le ormai numerose denunce (sempre fatte dai soliti quattro dementi) non hanno mai aperto un solo fascicolo. E questo è il risultato”.

Nelle foto: due dei cani trovati morti avvelenati (fonte Salvatore Libero Barone su Facebook).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

9 Commenti

  1. con che coraggio si può fare tutto ciò?vigliacchi è dire poco!!!bisognerebbe fare giustizia!!!è ora di finirla!!!!!!vergognatevi…

  2. Come fa a esistere gente simile, mi vergogno di esistere, vorrei avvelenare loro in questo modo,ma dopo averli scuoiati vivi, vigliacchi.

  3. Luridi vigliacchi schifosi!che si avvelenino loro invece di avvelenare i poveri cagnolini randagi!bastardi di merda!

  4. Siamo sempre alle solite: amministratori incompetenti, sindaci incapaci, autorità che non vedono e non sentono….e gli animali continuano a morire! Vergogna e stravergogna!!!!

  5. Di Martile Giacinta

    Un bel Comune con una Bella squadra di vigliacchi menefreghist in testa. Anche se non fisicamente, sono complici di quella mano assassina!

  6. Questi sarebbero da impiccare in serie qualora si potesse prenderli.

  7. Nessun cristo in queste lande che di “civile” hanno solo l’apparenza. Finchè non si incomincia dall’asilo a insegnare il rispetto per tutte le creature viventi ci saranno sempre episodi come questo, le istituzioni poi sanno solo attendere lo stipendio e sicuramente per loro i cani (e gli animali in genere) contano meno di zero.

  8. cristo NON si è fermato né a Monreale né da nessun’altra parte, a quanto pare.

  9. come si fa a commentare……..ma prima di tutto come si può o si deve fare per fermare questa maledetta gente a che CRISTO bisogna rivolgersi?????

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com