Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Treviso: che fa un cane chiuso sul davanzale della finestra, al terzo piano?

Treviso: che fa un cane chiuso sul davanzale della finestra, al terzo piano?

 

ATTENZIONE: A QUESTO LINK TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SULLA VICENDA.

In queste ore, vari organi di stampa hanno riportato la notizia del cane che, a Castelfranco Veneto, in provincia di Treviso, sarebbe chiuso sul davanzale di una finestra al terzo piano.

I dettagli sulla vicenda sono pochi e non chiarissimi: alcuni testimoni segnalano che l’animale sarebbe in quelle condizioni da giorni (cosa che, se vera e plausibile, renderebbe ancora più grave una faccenda comunque odiosa) e si parlerebbe addirittura di una “punizione”.

In pratica, quello che sembra un beagle o un simil-beagle sarebbe stato chiuso sul davanzale perché, in casa, ha fatto qualcosa che ha irritato i suoi proprietari.

In ogni caso, i vicini di casa e i dirimpettai che hanno assistito alla scena hanno contattato ENPA, che a sua volta si è rivolta ai Vigili Urbani di Castelfranco perché chiariscano rapidissimamente la questione.

Commenta il presidente di ENPA Treviso, Adriano de Stefano: “Come si può notare nelle foto, il povero animale è costretto a stazionare pericolosamente sul davanzale di una finestra al terzo piano del condominio. Di tale situazione, che si protrae da diverso tempo (e c’è da chiedersi quale fortuna accompagna quel povero animale per non essere ancora finito in strada), sono testimoni i condomini e i passanti”.

Ovviamente la posizione in cui è costretto l’animale è pericolosissima: il cane è a rischio caduta e, nel caso questo avvenisse, l’urto sarebbe violentissimo e potrebbe rischiare di rivelarsi fatale.

De Stefano sottolinea che alle forze dell’ordine è stata trasmessa “notizia di reato” e che è stato loro richiesto di “predisporre un controllo per verificare le condizioni fisico-etologiche di detenzione del cane, e agire in conseguenza delle violazioni rilevate. La nostra associazione si rende disponibile a trovare all’animale una nuova famiglia qualora il proprietario fosse disposto a cederlo”.

Pochi minuti fa, sulla pagina Facebook di ENPA Treviso la locale sede OIPA ha commentato che il cane sarebbe stato intanto fatto rientrare in casa. Tuttavia è opportuno che le forze dell’ordine intervengano immediatamente.

Si attendono sviluppi.

Nella foto: il cane imprigionato sul davanzale (fonte CorriereAdriatico).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

16 Commenti

  1. Franco animelli

    MA SIAMO AL RIDICOLO !!!
    Tutte queste peripezie per una cosa facilmente risolvibile?
    ùUna suonata, calci in bocca e sottrazione del cane.
    E perchè si è arrivati a più giorni di permanenza?

  2. dio mio ,, povero animale

  3. C’è poco da dire di fronte ad un’immagine del genere. Che questa matta e delinquente va arrestata immediatamente e buttata la chiave. Questa povera bestiolina non puo’ subire ancora. Spero che chi di dovere prenda provvedimenti e subito.

  4. Un cane a cui viene fatto questo è stato ferito a morte nell’anima. Meglio trovargli una nuova famiglia con cui ripartire nel suo viaggio terreno

  5. Non è il padrone a doverlo cedere ma le autorità che devono toglierlo a lui immediatamente!!!! Ma stiamo scherzando? Inoltre certe “persone” dovrebbero anche essere segnalate alle black list dei canili di tutto il mondo affinchè non abbiano piu nessun tipo di animale in casa!!!

  6. barbara piccinnu

    si anche io metterei i proprietari fuori ma legati a testa in giù conuna corda

  7. Ma di li’ passano solo infami ??? Chi vede e non fa’ nulla è complice,vergognatevi!

  8. ..sicuramente avrà un proprietario imbecille!

  9. Trovo vergognoso che il cane sia ancora in mano a quelle persone! ma io mi chiedo??ma le associazioni sono li solo per chiedere il 5xmille?? possibile che le guardie zoofile non abbiano modo di intervenire???

  10. Ma come è possibile? Qualcuno alzi il sedere dalla sedia immediatamente e vada a controllare cosa succede in quella casa!!!!! Sicuramente il cagnolino non è il benvenuto, non vorrei mai che dentro casa gli capiti qualcosa di peggio!!!! Ma l’ENPA e l’OIPA non hanno mica le così pubblicizzate guardie ecozoofile che sono, se non erro, pubblici ufficiali: che intervengano cristo santo, senza delegare tizio, caio, sempronio, topolino, peppa pig, braccobaldo o qui quo qua!!!!!!!

  11. io metterei il proprietario li fuori ,cosi vedrebbe cosa ha patito quel povero cane,ma dico io perchè diventate proprietari di questi esseri incredibilmente buoni e accondiscendenti,quando invece non siete all’altezza di prendervi cura neanche di voi oppure dei vostri figli e ho messo i figli dopo,in quanto i figli di questi idioti più che idioti non potranno diventare,mentre invece quel povero cane avrà già perdonato e chi perdona è solo l’essere intelligente.

  12. non ci sono parole il proprietario deve pagare

  13. via il cane da quella famiglia lo potrebbero rimettere ancora al prox castigo

  14. Attitudini criminali verso un cane ,altra vegogna umana ….

  15. Resto allibita dalla frase..dalla situazione che si protrae da diverso tempo…!!!!!!!!! Ma io mi domando e dico ma un demente qualsiasi non farebbe passare un minuto per intervenire! !!!! Sono snza parole indignata e schifata

  16. ma veramente dopo le mucche in auto il cane che fa il vaso di fiori ma ragazzi voglio dire???? a questi gli faranno almeno una denuncia seria…..e almeno che lo portino via subito da quella famiglia di idioti……

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com