Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Lega del Cane: la Regione Abruzzo non tiene fede agli impegni, animali esclusi dalla Finanziaria

Lega del Cane: la Regione Abruzzo non tiene fede agli impegni, animali esclusi dalla Finanziaria

Abruzzo: il Consiglio Regionale non mantiene fede all’impegno di approvare con la Legge Finanziaria 2014 il pronto soccorso anche per i gatti e la sterilizzazione obbligatoria dei randagi.

Il pronto soccorso per i gatti e la sterilizzazione obbligatoria dei randagi sono rimasti esclusi dalla Legge Finanziaria 2014, nonostante l’impegno preso dal Consiglio regionale nel corso della seduta che ha portato all’approvazione della nuova Legge regionale sul randagismo.

I quattro emendamenti presentati da Riccardo Chiavaroli (PDL), Maurizio Acerbo (PRC) e Walter Caporale (ex Verdi) sono stati fatti decadere per il divieto di intervenire su questa materia ossia perché considerati dalla maggioranza dei presenti in aula non attinenti alla Legge Finanziaria.

“Considerata l’importanza della materia in termini di prevenzione e di tutela degli animali e considerato come il pronto soccorso anche per i gatti e la sterilizzazione di tutti i randagi siano obbligatori ai sensi di leggi dello Stato, esprimiamo profonda delusione per l’impegno non mantenuto dal Consiglio regionale e critichiamo aspramente la scelta miope e dannosa. – dichiarano LAV, Lega Nazionale Difesa del Cane e Enpa – Con la riforma del Codice della Strada è istituito l’obbligo di soccorso in caso di investimento degli animali e dunque anche dei gatti. Prima poteva essere solo una questione di coscienza, ora invece è una legge dello Stato italiano rafforzata dall’importante nota del Ministero della Salute del luglio 2010 indirizzata ai Servizi Veterinari Regionali, ANCI e ANPCI per richiamarne l’attenzione su come l’obbligo di fermarsi e prestare soccorso, se da un lato comporta sanzioni amministrative per chi non vi ottemperi, dall’altro impone l’inderogabile necessità di assicurare il servizio di reperibilità e pronto soccorso da parte delle amministrazioni competenti”.

“Se non si troverà una soluzione tempestiva attraverso una proposta di legge ad hoc e approvata in tempi rapidi chiederemo al Presidente del Consiglio dei Ministri di impugnare la Legge sul randagismo recentemente emanata”, concludono le associazioni.

Le associazioni ritengono molto grave anche l’esclusione dell’emendamento che prevedeva l’emanazione di un Regolamento attuativo da emanarsi entro 180 giorni. Il Regolamento avrebbe permesso di introdurre migliori misure a tutela di cani e gatti detenuti nei canili, ma anche da privati”.

Comunicato stampa ricevuto dall’Ufficio stampa Lega Nazionale per la Difesa del Cane in data 3 gennaio 2014.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

3 Commenti

  1. Soldi per gli animali non ce ne sono mai, ci scommetto, però, che per minchiate varie (feste patronali, processioni con santi e madonne, sagre del carciofo o di altri ortaggi e via elencando) i soldi saltano sempre miracolosamente fuori! Vergogna e stravergogna!

  2. Lo sapevo che finiva così.
    Sapete quando si dice…questì sò (anti)politici?

    Avere l’inganno e adeguarci sopra una legge regionale.

    Vergognatevi

  3. Abruzzo… Chieti… Premio Agenda Rossa Paolo Borsellino ad Andrea Cisternino.
    Uhm… qualcosa non mi quadra (e non mi piace).

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com