Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Associazioni contro la legge sulla vivisezione: “Le carte in tavola non si cambiano”

Associazioni contro la legge sulla vivisezione: “Le carte in tavola non si cambiano”

“VIVISEZIONE: “LE CARTE IN TAVOLA NON SI CAMBIANO”, IL GOVERNO STA CALPESTANDO LA PROPRIA LEGGE PROPONENDO UNO SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO ANTICOSTITUZIONALE.

ASSOCIAZIONI ANIMALISTE E RICERCATORI INIZIANO LA PROTESTA PER IL RISPETTO DELLA DEMOCRAZIA. APPELLO A NAPOLITANO, LETTA E PARLAMENTO

Dopo averli proposti e fatti approvare dal Parlamento, ora il Governo sta calpestando i principi e i criteri di legge per la ricerca innovativa pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale: mai più allevamenti come Green Hill, stop a esperimenti su animali senza anestesia, incentivi ai metodi sostitutivi. Lo denunciano Enpa, LAV, Lega del Cane, Leidaa, Oipa, con la Federazione Associazioni Diritti Animali e Ambiente.

Dei tredici precetti diventati l’articolo 13 della Legge 96-2013 di delegazione europea appena quattro mesi fa, i Ministri della Salute Lorenzin e degli Affari europei Moavero hanno previsto l’affossamento totale o parziale di ben dieci punti.

Lo Schema di Decreto Legislativo di recepimento della direttiva europea sulla sperimentazione sugli animali è ora all’esame delle Commissioni parlamentari (Atto numero 50) per un parere, anche senza il quale dopo il 13 gennaio prossimo il Governo è comunque autorizzato dalla stessa legge che intende cestinare senza modificarla, a emanare la nuova Legge che sostituirà il Decreto Legislativo 116 in vigore dal 1992.

Se il Governo continuerà a perseguire questa linea andrà incontro al pronunciamento di invalidità ai sensi dell’articolo 76 della Costituzione sulle deleghe legislative. In particolare l’Esecutivo:

  • non rispetta il divieto di esperimenti senza anestesia o analgesia 
  • aggira lo stop a esercitazioni didattiche con animali 
  • straccia le limitazioni su animali modificati geneticamente e il riutilizzo in più test 
  • vara un limitato fondo per i metodi alternativi destinandolo per l’84% a chi effettua vivisezione 
  • fa slittare di quattro anni il divieto di prove con animali per xenotrapianti, alcool, tabacco e droghe. 

Il tutto con sanzioni non dissuasive anche per i divieti rispettati, come:

  • l’allevamento di cani, gatti e primati non umani destinati ai laboratori
  • il ricorso agli animali randagi e provenienti da canili
  • gli esperimenti a fini bellici.

Lega Nazionale per la Difesa del Cane

Ufficio Stampa

Tel e fax 0226116502

www.legadelcane.org”.

Comunicato stampa ricevuto da Lega Nazionale per la Difesa del Cane.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

3 Commenti

  1. prima dicono una cosa, poi se la rimangiano,poi cercano di rimediare, poi la ri elaborano….mamma mia che branco di parassiti usurai. pensare che ci “governano” o per lo meno credono di farlo ma non hanno capito che ormai non se li caga quasi più nessuno. . . non gli interessa null altro che fare leggi a loro favore,per un guadagno, per una scorciatoia per raggiungere il loro obbiettivo il primo possibile, per avere benefit che noi poveri esseri umani dell’ultimo livello della casta sociale, manco ce li sognamo. fanno e disfano sulla pelle altrui.che sia umana,che sia animale. a loro non interessa che all’anno vengono massacrati migliaia e migliaia di animali inutilmente,con atroci sofferenze, perchè tanto non tocca a loro in prima persona….venderebbero la loro madre agli esperimenti di laboratorio pur di averne un profitto. bisognerebbe con ognuno di loro fare come nel film thank you for smoking, quando il protagonista viene quasi ucciso data la massiccia dose di nicotina che gli viene somministrata tramite i cerotti.così uguale. sequestrarli per qualche ora, iniettargli ogni qual tipo di sostanza che provano in laboratorio e poi sbatterli per strada mentre il furgone è ancora in corsa, e non contenti farei ad ognuno di loro una bella marchiatura a fuoco con il segno delle scorie radioattive per far sapere a tutti che anche lui da quel momento è cavia da laboratorio.

  2. Caro Presidente Napolitano (che non s’è capito da quale parte Lei stia), cari Onorevoli (che continuamente ci disonorano),

    perché non ve ne andate tutti af?
    Grazie!

    ***

    http://www.lav.it/cosa-puoi-fare-tu/aderisci-alla-protesta?id_news=449498&utm_source=articolo13&utm_medium=email&utm_campaign=articolo13

  3. Un’altra prova della incapacità e della cattiveria dei nostri “S”governanti che invece di pensare e legiferare sulle cose importanti si mette a cavillare per compiacere questa o quella casta = si vergognino e lascino stare gli animali, la loro natura disumana l’adoperino per complottare fra di loro come stanno facendo da lungo tempo

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com