Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Addii / Trento, il maialino Ettore fatto a pezzi dai pompieri: interviene l’onorevole Zanoni

Trento, il maialino Ettore fatto a pezzi dai pompieri: interviene l’onorevole Zanoni

L’eurodeputato Andrea Zanoni, vicepresidente dell’Intergruppo per il Benessere e la Conservazione degli Animali al Parlamento Europeo, è intervenuto concretamente nella macabra vicenda del maialino Ettore, animale domestico fuggito dalla sua casa di Gardolo, in provincia di Trento, soltanto per essere catturato e fatto a pezzi dai Vigili del Fuoco volontari del posto.

Della vicenda di Ettore abbiamo già parlato in diversi articoli, che potete trovare tutti a questo link.

Zanoni avrebbe scritto una lettera al Comandante del Corpo Vigili del Fuoco Volontari di Gardolo, Giacomo di Sero, e al Dirigente della Federazione dei Vigili del Fuoco Volontari del Trentino, Mauro Donati, per chiedere espressamente chiarimenti su quanto avvenuto.

“Ritengo doveroso”, commenta l’eurodeputato, “che vengano date spiegazioni in merito al ritrovamento e alla conseguente uccisione senza alcun motivo di un animaletto che era considerato un membro della famiglia. Ogni cittadino ha diritto di scegliere con quali animali vivere e ha il diritto di vedersi restituire il proprio animale smarrito, sano e salvo”.

“Sono vicino a Roberta Perini e capisco il dolore che sta provando”, continua Zanoni. “È già difficile affrontare la separazione naturale dai nostri animali e posso solo immaginare cosa deve aver provato a vedersi riconsegnare il maialino in quelle indicibili condizioni. Ha il diritto di avere spiegazioni in merito all’accaduto e, se ci sono delle responsabilità, di avere giustizia. Alcuni attivisti delle associazioni animaliste del Trentino mi hanno informato dell’episodio e ho ritenuto doveroso chiedere chiarimenti in merito”.

Nel frattempo, Animalisti Trentini (affiliato a Gruppo Fronte Animalista) sta organizzando un presidio per il giorno 29 dicembre per ricordare Ettorino: qui l’evento.

Foto: Ettorino (archivio).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

2 Commenti

  1. Ma quali spiegazioni?
    Che spiegazioni possono giungere da individui che fanno a pezzi un animale domestico (che tutti conoscevano, viste le dimensioni della località) e una volta colti in fallo mostrano tutta la ferocia riconsegnandone i resti ben sezionati ed inbustati in porzioni da tavola?

    wlitaglia

  2. Comunque questi “volontari” devono essere bastardi dentro , perchè non solo hanno ucciso un animaletto senza motivo ma hanno avuto la crudeltà di consegnarne i resti alla proprietaria. Questo episodio efferato la dice lunga su tanti “volontari” (non mi riferisco certo ai meravigliosi Volontari che, in tutta Italia, si dannano per assicurare un minimo di vita ai tanti cani e gatti randagi o confinati nei canili).

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com