Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Siracusa: cane incatenato sul balcone da mesi nonostante le denunce

Siracusa: cane incatenato sul balcone da mesi nonostante le denunce

Da tre mesi circa, in una sostanziale indifferenza generalizzata, un cane vive prigioniero e incatenato su un balcone a Lentini, in provincia di Siracusa.

A denunciare il fatto è stato il Partito Animalista Europeo su segnalazione di due cittadine che, stanche di vedere la situazione immutata e immutabile, hanno contattato la segreteria nazionale del partito a Roma.

Il cane è legato ad una catena sul balcone di un appartamento situato in Via della Redenzione e lì sembra rimanere nonostante le varie denunce fatte alle autorità di riferimento. Il cane non ha mai riparo e non viene mai sciolto, e resta sul balconcino giorno e notte, sotto gli occhi di tutti.

La prima denuncia alle autorità risalirebbe addirittura allo scorso settembre ma ad essa, sfortunatamente, non è accaduto nulla.

Il PAE ha quindi messo in moto il proprio ufficio legale che ha inviato una comunicazione sia ai Carabinieri che ai Vigili Urbani di Lentini: l’obiettivo, naturalmente, è quello di sottoporre immediatamente a sequestro il cane in stato di sofferenza. Tra l’altro, sembra evidente il palesarsi di un reato quale quello di maltrattamento e detenzione di animali in condizioni incompatibili con la loro natura. Le forze dell’ordine, giunte sul posto assieme ad un veterinario, hanno imposto al proprietario dell’animale di sciogliere il cane dalla corta catena. Tuttavia, anche l’appartamento è stato ritrovato in condizioni di totale degrado.

Lo smacco più grosso, tuttavia, si è verificato quando il proprietario ha deciso di legare nuovamente – a qualche minuto di distanza dall’ammonimento del veterinario. E nessuno gli ha detto nulla.

Il PAE è sbalordito: “La questione ha dell’incredibile perché il veterinario, pur affermando tutto questo, non ha ritenuto opportuno procedere al sequestro del cane e alla denuncia nei confronti del proprietario per maltrattamento di animali”.

Dallo studio legale del partito chiosano: “Quello che è successo a Lentini ha dell’incredibile”. E si chiedono “come sia possibile rinvenire un animale in condizioni di totale degrado e lasciare sostanzialmente le cose invariate, visto che nella stessa relazione veterinaria si dà atto che il povero animale è stato nuovamente legato in balcone. Questo significa ignorare un gravissimo stato di fatto, segnalato, peraltro, da ben due fax con richieste urgenti di intervento inviate a Carabinieri e Vigili Urbani, oltre ad una denuncia e ad un esposto che risultano già presentati. Non c’è gioco sulla sofferenza di un animale, ma una flagranza di reato che a questo punto la Procura dovrebbe interrompere”.

Nella foto: il cane prigioniero sul balcone (fonte QN).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

13 Commenti

  1. che vergogna.

  2. macchè, a quanto pare sta ancora sul balcone: https://www.facebook.com/events/260863960733453/

  3. Ma se si chiamano i Vigili del Fuoco unitamente alle Guardie Zoofile e la Forestale?
    Chiamate le istituzioni a fare il proprio dovere, quello per cui sono pagati e se non rispondono minacciate querele, denunce e sputtanamento mediatico.

    C’è qualche novità sulla vicenda?

  4. Eeeeh Barbara, Rosanna è una vecchia volpe! Ciao carissima!

  5. Le persone sono orribili, ma è ingiustificato il disinteressamento delle autorità

  6. Eccole qui le istituzioni, in italia, ma in particolare al sud: quando si tratta di muoversi verso chi non ha potere, non ha soldi, non ha santi in paradiso fanno tutte orecchi da mercante! (naturalmente le minuscole sono tutte volute) Almeno qualche associazione che si occupa degli animali che si faccia avanti per questo cagnolino!

  7. Quel che sapremo condivideremo con voi 🙂

  8. Ci tenete informati per favore su questo povero cagnolino? Fa tanto male vedere questa povera creatura in queste condizioni… Lo so che le autorità se ne fregano ma occorre fare pressione in qualche modo!

  9. su mia esperienza personale concordo con Rosanna…….

  10. Oh Anna, beata ingenuità! Ma credi davvero che qualcuno fra quelli che hai nominato alzi il culo dalla sedia per salvare quel povero cagnino? Se non c’è il fotografo o la televisione di turno te lo puoi scordare, ormai lo sanno tutti che , purtroppo, è così!

  11. Chiamate la Polizia, la Finanza, i Carabinieri, la Lav, l’Oipa, l’Enpa, chi volete, ma fate qualcosa vi supplico, per quella creatura innocente!Facciamo qualcosa! Non facciamolo morire! Vi prego!

  12. Dio vi trova prima o dopo!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com