Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Addii / Palermo: il cane torturato e fatto a pezzi, lasciato in esposizione per strada

Palermo: il cane torturato e fatto a pezzi, lasciato in esposizione per strada

È l’attivista siciliano Salvatore Libero Barone a denunciare l’ennesimo caso di crudeltà ai danni degli animali avvenuto a Carini, in provincia di Palermo.

Barone, sul suo profilo Facebook, ha nelle scorse ore pubblicato l’immagine di quel che resta di un animale massacrato, fatto a pezzi e lasciato per la strada sotto gli occhi di tutti. Un cane.

Così commenta l’attivista: “Era un cane, probabilmente un rottweiler. Testa mozzata, zampe spezzate, parti del corpo ustionate. Si trova ancora nel territorio di Carini, in Provincia di Palermo, ed è possibile vederlo 24 ore su 24 fino a decomposizione ultimata. Lo hanno torturato in vita, adesso che è morto (rectius: ucciso), viene appositamente lasciato per strada, in esposizione, forse per ricordare a tutti chi e cosa siamo”.

“Chiunque voglia fare qualcosa di concreto per la nostra realtà deve chiamare ogni giorno il Ministero della Sanità (0659944035) e denunciare tutti i Comuni fuorilegge (solo 13 su 400 hanno canili sanitari), tutte le ASP inadempienti, lo stato di degrado e di inciviltà che quel po’ di buona cittadinanza sicula è costretta a vivere e sopportare giornalmente”.

Sulla vicenda non sono, almeno nel momento in cui scriviamo questo articolo, noti altri particolari – ma il commento originale di Salvatore può essere letto a questo link.

Nella foto: i resti del cane (fonte Salvatore Libero Barone su Facebook).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

9 Commenti

  1. Senza parole, davvero…..tristezza infinita per quel povero innocente vittima di mostri disumani a cui auguriamo che tutto questo dolore ritorni centuplicato!.

  2. MALEDETTI SCHIFOSI

  3. e poi chiamate baluba il terzo mondo,ma voi siete il quarto mondo e progenia della peggior risma

  4. pena di morte per chiunque commetta un gesto simile! Non ci sono altre parole

  5. ……a volte è difficile anche commentare ….troppe le parole e i pensieri……unico desiderio la morte atroce per chi ha fatto ciò (e per tutti quelli che hanno il coraggio di compiere questi crimini)…

  6. ma che volete farci se al posto di essere umani sono dei mostri!!!chiaro nn ce lavoro allora devono pure trovarsi una occupazzioni questi pezzi di merda ma all’inferno andate a finire se esiste davvero un dio queste personne nn dovrebbero esistere!

  7. Questi sono da fucilare sul posto, sparargli in faccia e lasciarli in mezzo alla strada sperando che vengano maciullati dalle auto in corsa.
    Maledetti dovete morire bruciati!

  8. Se QUESTI sono uomini… No. Non sono uomini. Non sono qualificabili, appartengono a qualcosa che va oltre il diabolico. Appartengono a generazioni maledette, passate, presenti e future, poiché tutto questo male è tramandato silenziosamente e ineluttabilmente e ritorna, come un boomerang pesantissimo e feroce a colpire, anche passassero milioni di anni, i figli dei figli dei figli… per sempre.

  9. ma perché non parlare di pena di morte alla camera e al senato anziché parlare di Berlusconi Renzi e cazzari vari !!!!!!!!!!!!!!!!!!!! movimento 5 stelle ci siete?????????????

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com