Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Torino: cerca di ammazzare la capra a colpi di pistola e rimane ferito

Torino: cerca di ammazzare la capra a colpi di pistola e rimane ferito

Un uomo di 40 anni residente a Luserna San Giovanni, in provincia di Torino, è rimasto ferito nel tentativo di uccidere una delle sue capre a colpi di pistola.

Il 40enne, che è titolare di una azienda agricola, è stato con tutta probabilità ferito dal proiettile che di rimbalzo lo ha colpito all’addome.

Sul posto sono intervenuti i paramedici del 118 e i Carabinieri e l’allevatore è stato trasferito, con l’elisoccorso, all’ospedale Le Molinette. È in prognosi riservata.

La capra, almeno per il momento, sarebbe invece ancora viva e in buone condizioni di salute.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

6 Commenti

  1. Eh no caro “Fognaaaaaa”, l’incoerenza non ci appartiene. Non mangiamo nessun animale. Saluti.

  2. Ma la smettete! Sono sicuro che voi siete i primi a mangiarvele le capre. Fanculo.
    “NOOOOO I RANDAGI NON SI TOCCANO, NON SI POSSONO UCCIDERE COSì A SANGUE FREDDO!!!” Meglio mangiarsi quei zozzoni dei maiali vero? Tanto mica sono il migliore amico dell’uomo!
    E comunque la storia ha del comico e mi rievoca una frase di non è un paese per vecchi:

    “Ha presente Charlie Walser, quello che ha il ranch a est di Sanderson? Be’, per macellare i manzi gli dava un colpo qui con una mazza, gli legava le zampe e gli tagliava la gola. Una volta Charlie aveva un manzo già legato, era pronto a dissanguarlo, ma quello si riprende e comincia a scalciare. 300kg di bovino molto incazzato, mi perdoni per il… Charlie allora prende una pistola e spara in testa a quella cazzo di bestia, ma con tutto quel dimenarsi la pallottola non penetra, rimbalza all’indietro e colpisce Charlie alla spalla. Morale della favola: Charlie ora non riesce neanche a toccarsi il cappello con la mano destra. Il punto è che perfino nella lotta fra l’uomo e il bestiame il risultato non è certo. Adesso i manzi li ammazzano in modo diverso. Usano una pistola ad aria compressa, spara un tondino di ferro tanto così nel cervello, quello viene risucchiato, e l’animale non si accorge di niente.”

  3. Forse non tutti i mali vengono per nuocere effettivamente Mari.
    Ad ogni modo com’è che si dice?
    Andarono per fregare e rimasero…fregati.

  4. ma lo stronzo che ha sparato è ancora vivo?? Peccato..

  5. Non bello da dirsi ma sono proprio contenta, così quest’imbecille capirà forse cosa significhi essere colpito da un proiettile!

  6. ogni tanto una buona notizia!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com