Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Zooerastia in USA: 22enne violenta il cane del vicino di casa, arrestato

Zooerastia in USA: 22enne violenta il cane del vicino di casa, arrestato

Un ragazzo di 22 anni è stato arrestato a San Pedro, nello Stato americano della California, con l’accusa di aver abusato sessualmente del cane del proprio vicino di casa.

Ad incastrare il pervertito, le camere di sorveglianza del proprietario dell’animale che lo hanno immortalato mentre procedeva alla violenza.

L’arrestato si chiama Christopher Alexander Caceres e la vittima è un cane di razza Akita Inu: l’animale è stato sottoposto a violenza sessuale per due ore, secondo quanto registrato dalle telecamere.

Il proprietario del cane, che ha preferito rimanere anonimo, ha definito quanto accaduto “inimmaginabile, e così protratto nel tempo da far male al cuore. Disumano, da rimanere senza parole”.

L’uomo aveva installato l’impianto di videosorveglianza nel timore che la sua casa venisse presa a bersaglio dai ladri. Durante la notte, aveva udito il cane piangere e lamentarsi e aveva trovato pugni di pelo strappato nel giardino. Dopo aver visionato le riprese, si è reso conto di quanto era accaduto: Caceres aveva drogato il cane attraverso alcuni bocconi e poi, dopo aver atteso per un quarto d’ora che il tranquillante facesse effetto, aveva iniziato l’aggressione sessuale.

La polizia ha ricevuto le riprese e le ha visionate procedendo poi all’arresto dello zooerasta.

Caceres si è dichiarato non colpevole del reato di zooerastia durante l’udienza preliminare e ricomparirà di fronte al giudice in questi giorni.

Il cane è stato curato da un veterinario.

Foto: un momento dell’aggressione sessuale ripreso dalle videocamere (fonte Empty Cages Worldwide su Facebook).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

2 Commenti

  1. Brava! Sono d’accordo.
    Se sento che il mio cane piange esco* con “l’amica mia”, e poi sò cazzi.

    Con stì depravati, deviati, pervertiti e scarti che ci si fa?
    Io nà mezza idea ce l’avrei.

    *(non mi fiderei a lasciarlo di fuori la notte)

  2. se il cretino del proprietario fosse intervenuto quando il cane si lamentava gli avrebbe sicuramente risparmiato una bella sofferenza……colpevole lui quanto il depravato……

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com