Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Addii / Pavia: l’allevamento dell’orrore, con gli animali maltrattati prima di finire al macello

Pavia: l’allevamento dell’orrore, con gli animali maltrattati prima di finire al macello

Sono diciotto in tutto gli animali trovati dalla Guardia Forestale a Redavalle, in provincia di Pavia, all’interno di un’azienda zootecnica che produce bestiame “da carne”.

Secondo quanto riportato da Il Giorno, le mucche erano sporche, denutrite e costrette a dormire sulle loro deiezioni, mentre la carcassa di almeno un vitello era stata abbandonata da tempo nel bel mezzo della stalla.

Gli animali ritrovati ancora vivi erano ormai ridotti a pelle e ossa e a malapena in grado di reggersi in piedi.

La situazione, da film horror, è stata constatata durante un sopralluogo a sorpresa da parte delle forze dell’ordine, che ora contestano al proprietario dell’azienda zootecnica di aver maltrattato e trascurato in maniera disumana i suoi animali. Tra l’altro, tutti i bovini ritrovati erano destinati ad essere uccisi in mattatoio e a finire sulle tavole dei consumatori.

La Guardia Forestale ha richiesto e ottenuto l’intervento sul posto dei medici veterinari dell’ASL di Pavia, che hanno constatato lo stato di grave malnutrizione e disidratazione di mucche e vitelli. A prendersi cura di loro, ora, dovrebbero essere alcune ditte che si occupano di foraggio che hanno fornito la loro disponibilità.

Il titolare dell’azienda zootecnica denunciato per maltrattamenti ha 49 anni e le sue iniziali sono P.D.

Le generalità complete non sono state rese note, ma si sa che era già conosciuto alle forze dell’ordine per analoghi reati contro gli animali.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

11 Commenti

  1. Grazie, amici cari!
    Buona giornata a tutti voi, che amate e rispettate i nostri migliori amici!
    Per oggi avrei un “little dream”: che nessun innocente sia ucciso, che la vita di ogni essere sia considerata preziosa, senza distinzioni di specie.
    A dire la verità, questo “little dream” varrebbe anche per domani, per dopodomani, per ogni giorno in cui ci è concesso di vivere.
    Io non smetto di sognare questo Sogno.

  2. i commenti vanno tutti i coda di moderazione, era finito nello spam perchè conteneva un link 🙂 è approvato naturalmente!

  3. Oh… Non vedo il mio commento (pubblicato un minuto fa).

  4. M’era sfuggita la vostra risposta, amici cari…

    ***

    Piccola digressione, ma restiamo in tema di errori/orrori umani (ovvio!).
    Guardate qui, per favore:

    http://gruppodinterventogiuridicoweb.wordpress.com/2013/11/08/manifestazione-contro-luccellagione-in-veneto-10-novembre-2013/

    ***
    Copio/incollo il mio commento:

    Tra l’altro (ed è perfino su Wikipedia…):

    La pratica dell’uccellagione è attualmente vietata in tutto il territorio italiano in ottemperanza all’articolo 3 della Legge n. 157 del 1992 (Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio):
    « È vietata in tutto il territorio nazionale ogni forma di uccellagione e di cattura di uccelli e di mammiferi selvatici, nonché il prelievo di uova, nidi e piccoli nati »
    (Art. 3 – Divieto di uccellagione)
    La stessa legge, nell’articolo 4, contempla specifiche deroghe:
    « Le regioni, su parere dell’Istituto nazionale per la fauna selvatica, possono autorizzare esclusivamente gli istituti scientifici delle università e del Consiglio nazionale delle ricerche e i musei di storia naturale ad effettuare, a scopo di studio e ricerca scientifica, la cattura e l’utilizzazione di mammiferi ed uccelli, nonché il prelievo di uova, nidi e piccoli nati. »
    (Art. 4 – Cattura temporanea e inanellamento)
    Chi esercita l’uccellagione è sanzionato, dall’art. 30 della stessa legge, con l’arresto fino ad un anno o l’ammenda da euro 774 a euro 2.065.

  5. Il nome di chi ha precedenti si può rendere noto.
    Ad ogni modo nemmeno io capisco perchè certa gentaglia non riconosce un minimo di dignità anche a questi animali.
    Sicuramente li disprezzano molto.

    Purtroppo Barbara, questa è litaglia, un vero schifo.

  6. concordiamo con Marilena.

  7. l’italia di *****…..era già conosciuto alle forze dell’ordine pensa un pò ed era ancora lì ….,e sarà ancora lì e starà ancora lì….spero ci muoia lì……bastardo!!!

  8. Ho appena letto dei cani linciati in Cina e i commenti dei lettori : maledizioni in abbondanza come se ciò servisse a qualcosa. E da noi allora? Non passa giorno che le Guardie Forestali o Zoofile sequestrino animali sofferenti e maltrattati, perchè non contenti di mandarli al macello questi assassini non consento loro nemmeno una parvenza di vita prima di mandarli a morire. Non mi piacciono i cinesi per niente ma voglio dire che purtroppo in ogni parte del mondo ci sono crudeltà verso i nostri amici senza voce.

  9. PD SARA’ RAGGIUNTO DALLA SFIGA SEMPITERNA E SI SPERA CHE VENGA CONDANNATO SEVERAMENTE

  10. certamente elisabetta, lo sai che puoi. 🙂

  11. Non posso più condividere su WordPress… Non vedo più l’icona di WP…
    Posso copiare/incollare il link?

    Un abbraccio.
    E.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com