Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Addii / Vicenza, Festa islamica del Sacrificio: allevatori conniventi incaprettano animali e li gettano vivi nei fossi, per i clienti

Vicenza, Festa islamica del Sacrificio: allevatori conniventi incaprettano animali e li gettano vivi nei fossi, per i clienti

È sconcertante l’articolo pubblicato negli scorsi giorni da Geapress e relativo all’ennesimo tra i casi di brutalità perpetrati per l’annuale Festa del Sacrificio islamica.

La notizia arriva da Vicenza, dove le Guardie Zoofile segnalano di aver subito un tentativo di investimento da parte di “acquirente” invasato e arrabbiato per aver visto sfumare la possibilità di accaparrarsi il suo agnello da sgozzare.

Nella fattispecie, gli attivisti raccontano che ad Arzignano, dove già lo scorso anno erano stati riscontrati reati di questo tipo, alcuni allevatori conniventi avrebbero trovato un nuovo modo di vendere sottobanco gli agnelli da sacrificare anche in posti non autorizzati.

Gli animali, sottolinea il Coordinamento Protezionista Vicentino, venivano legati, incaprettati e successivamente abbandonati nei fossati in modo che gli acquirenti di fede islamica potessero comodamente passare a recuperarli. Spesso e volentieri, gli agnelli venivano sgozzati sul posto.

È stato proprio nel tentativo di interrompere questo scempio che le guardie avrebbero rischiato di essere travolte da un’autovettura. Dopo aver seguito un pickup e una seconda macchina, gli attivisti erano intervenuti proprio mentre gli acquirenti caricavano in auto il cucciolo. A quel punto sarebbero cominciate le urla e le invettive, e poi il tentativo di investimento in retromarcia.

Le guardie zoofile si sono gettate nei fossati laterali, ma sono comunque riuscite ad identificare l’auto e riconoscerne il conducente.

Samantha Tistoni del Coordinamento Protezionista Vicentino commenta: “Chi compra un agnello per scannarlo a casa compie due reati previsti dalla legge 189/2004: uno di maltrattamento, dal momento che mette l’animale incaprettato nel bagagliaio, e un altro nel momento in cui gli taglia la giugulare presso la sua abitazione”.

Il Coordinamento critica sindaco e Polizia Locale per non aver fatto abbastanza e parla attraverso il suo portavoce Renzo Rizzi: “Ora basta. La situazione è fuori controllo. È chiaro che fin tanto che esisterà questa deroga, questi reati verranno costantemente compiuti sotto i nostri occhi grazie anche e soprattutto ad allevatori senza scrupoli. Ci impegneremo a tutti i livelli, in Italia e in Europa, per chiudere in fretta con questa pratica non prevista nella nostra comunità, che sta creando sempre più disagio anche tra la popolazione civile. Ritengo infine che il nostro Paese abbia bisogno di altro, di crescere nella pace, a cominciare dal rispetto dei più deboli, quali sono ad esempio i poveri animali, sfruttati da sempre in tutti i modi dall’essere umano”.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

15 Commenti

  1. Leggo solo ora l’articolo perchè sono stata assente per un paio di settimane. Abito prorpio ad Arzignano e concordo in toto con Marina: i “schei” come si dice qui passano davanti a tutto, a ogni sofferenza, a ogni morale. Venite a vedere quante topaie vengono affittate a cifre esorbitanti agli immigrati, quanti di loro lavorano in nero soprattutto nell’edilizia senza nessuna protezione e potrei continuare per ore ad elencaretutte le malefatte dei miei compaesani che poi vorrebbero vedere ammazzati tutti gli immigrati e che, dulcis in fundo, sono tutti assidui frequentatori di preti e monache.

  2. Lo.so’ abbiamo tanto anche di casa nostra che compiono crudeltà su animali. Ma dobbiamo avere anche altrettanto compiuti da stranieri!. Mi chiedo ci sono italiani all’estero che compiono ciò che stranieri compiono nella nostra nazione ( che x me sono loro specialmente contro i cani anche rapiti x pellicce ecc anche portati all’estero x vivisezione. In proposito vorrei sapere se si sta operando x scoprire queste clan criminale ? Vorrei. Risposta . Grazie

  3. Serena, l’italia non è esente e non fa meno schifo. o dimentichiamo la mattanza pasquale?

  4. Poi mi dite di non parlare male di etnie . Ma ciò che compiono.anche qui in Italia è uno schifo contro i canii e tutti l’altri animali. Anche ci danno ordini togli qua e la.imparate a rispettare l’altri

  5. concordiamo al 100% marina.

  6. Il fiorente nord est italiano… si lamentano degli immigrati, non li vogliono neanche dipinti sui manifesti elettorali della lega, ma quando si tratta di fare quattro soldi, tutti li ad allungare le manine sporche di sangue, fregandosene altamente dell’orgoglio padano… ehmbè… i soldi so soldi da qualunque mano arrivino, quelli non fanno mai schifo. Bastardi!

  7. Ma qualcuno potrebbe spiegare a questi individui che gli animali non sono cose e non si dovrebbero mangiare (foss’anche solo per una questione di salute e dieta alimentare)?
    Festa del sacrificio…vendite abusive, macellazioni non autorizzate, evasione, maltrattamento e altro ancora, qua vedo che sono tutti fuori legge, o mi sbaglio?
    E’ tutto illegale.

    Non vorrei che qualche simpatico troll mi redarguisse….aiuto!

    Che schifo, la religione fa male, così come l’avidità.
    http://www.gazzettino.it/nordest/vicenza/festa_del_sacrificio_guardie_zoofile_investiti_da_islamici_con_un_agnello/notizie/341528.shtml
    http://www.tmnews.it/web/sezioni/top10/festa-del-sacrificio-alla-mecca-all-asta-montone-per-200mila-euro-20131023_104058.shtml

  8. VOI… “razzisti”… Oddio… 🙁 Proprio NO!

  9. Ma quante merde umane ci sono in circolazione?!? Non dovrebbe essere la FOGNA, la loro residenza?
    Sconcertata…

  10. Sergio… come fai a non dare di matto, vivendo certe “medievalità”?
    Io gli avrei già sputato in faccia… musulmani o no.
    L’ignoranza degli individui singoli è il vero oppio che ottenebra Mente e Cuore… Che tristezza…

  11. non per far polemica ma poi non devono dare a noi dei razzisti certe etnie vanno contro ogni norma e regola già siamo costretti a tollerare tutti i soprusi sulla pelle degli animali che per quanto facciamo siamo sempre indietro di un passo poi dobbiamo tollerare la nostra religione poi arrivano pure questi non arriveremo mai davanti al male quindi un “pò “di caldo allo stomaco ci viene a leggere queste robe, e chi questo caldo non lo sente non è umano qundi non può commentare….

  12. aVEVO GIà COMMENTATO CHE LE RELIGIONI SONO L’OPPIO DEI POPOLI PER CUI CONTINUARE DELLE PRATICHE CHE, FORSE, AVEVANO UN SENSO TANTISSIMI ANNI FA, VUOL DURE ESSERE DEGLI IMBECILLI CHE NON SI AGGIORNANO!!!! nEL MIO QUARTIERE INVASO DAI MUSSULMANI SI SCOSTANO QUANDO PASSO COL MIO PELOSONE PERCHE’ ANIMALE INFETTO = SE LI TOCCA DEVONO LAVARSI SETTE VOLTE O GIU’ DI LI
    BASTA CON QUESTE ORRENDE SUPERSTIZIONI, COMPRESE QUELLE CATTOILICHE

  13. cara elisabetta, tutti tranne uno http://goo.gl/lejZTM 😉

  14. Ma ‘sta Festa del Sacrificio… non potrebbero parteciparla/festeggiarla sulla pelle dei loro simili?!?
    D’accordo, anche da noi, in questo “illuminatissimo” Paese che è l’Italy, si sgozzano agnellini e capretti per “festeggiare” la Pasqua (assurdo, festeggiare la VITA con la MORTE…!).
    Ma molti hanno capito che c’è qualcosa di dannatamente sbagliato, fortunatamente!

    Un bacio ed un saluto agli amici.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com