Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / ENPA: necessario abolire la macellazione senza stordimento preventivo

ENPA: necessario abolire la macellazione senza stordimento preventivo

“Abolire la deroga di legge che permette di macellare gli animali senza stordimento preventivo, come invece espressamente previsto dalla normativa del nostro Paese. E’ quanto torna a chiedere l’Ente Nazionale Protezione Animali.

«La legge italiana – spiega il direttore scientifico dell’Enpa, Ilaria Ferri – prevede che ci sia lo stordimento preventivo; la macellazione rituale, invece, rappresenta una eccezione a questo principio generale, resa possibile da una precisa deroga legislativa. Noi riteniamo che tale deroga sia crudele e inaccettabile poiché costringe un essere senziente a vivere fino in fondo lo strazio della propria morte, già costretto a sopportare le aberrazioni degli allevamenti, i trasporti e le paure prima della morte.»

L’obiettivo dell’Enpa, dunque, non è teso a discriminare le religioni, ma esclusivamente a tutelare gli animali da inutili e crudeli sofferenze. Del resto, la ratio della norma che prevede lo stordimento parte proprio dall’assunto che sia necessario, per quanto possibile, tutelare almeno in parte il benessere degli animali seppure in un momento così atroce. Ed è bene ricordare che in alcuni Paesi di religione islamica – la Malesia, ad esempio – è ammesso lo stordimento preventivo come forma di “gentilezza”, di “pietas”.

«Del resto – prosegue Ferri -, numerosi ed autorevoli studi internazionali dimostrano che non è vero quanto sostengono i difensori della macellazione rituale. Vale a dire che si tratta di una pratica indolore, poiché la recisione della gola provoca una perdita di coscienze nell’animale. Tra l’altro, ricordo che il dolore non è causato dal dissanguamento, ma proprio dal taglio della gola, i cui nervi continuano a inviare impulsi nervosi fino alla morte dell’animale che sopravviene dopo molto tempo ed evidenti atroci sofferenze.»

«Naturalmente – conclude il direttore scientifico dell’Enpa – l’unico modo per non far soffrire una animale è quello di non ucciderlo, optando per la scelta vegetariana o meglio ancora vegana.»”.

Comunicato stampa diramato da ENPA in data 14 ottobre 2013.

Foto: macellazione tramite sgozzamento, con animale vigile (fonte Occupy for Animals).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

8 Commenti

  1. Bisogna operare. C’ è anche macellazione clandestina…..

  2. penso che per risolvere definitivamente il problema dovrebbero fare i macelli con le pareti di vetro così gli affezionati della bistecchina saprebbero come diviene tale ciò che hanno davanti al naso scommettiamo che il consumo di carne si riduce notevolmente??? e in ogni modo si è ora di prendere provvedimenti seri…..

  3. Francescanimali, sono pienamente d’accordo con te, il problema è che semplicemente il business ha il brutto vizio di massimizzare i profitti e minimizzare le spese, che tradotto significa, scanniamo gli animali al più presto che gli altri stupidi aspettano di morire e noi perdiamo tempo che è denaro…

    Che tristezza!

    Meglio scegliere una via migliore!

  4. francescamanimali

    per chi vegetariano non lo diventerà mai, è importante che almeno le macellazioni, siano “umane” . gesto compassionevole verso chi viene al mondo per gli stomaci altrui. Bisogna iniziare da QUI!!!!

  5. Marie- Antoinette

    Io credo che sia giunto da un bel pezzo il momento che qualche ente raccolga in un dossier complessivo le varie istanze animaliste per il progresso legislativo dei diritti animali,e che attraverso forme di adeguate pressione sugli amministratori e i politici si ottengano leggi concrete e non le solite mezze misure che vanificano in sostanza quanto scritto sulla carta. I CITTADINI VOGLIONO LEGGI VERE NON IPOCRITE.

  6. Almeno lo stordimento preventivo è un diritto innegabile per queste povere creature e chi non lo esegue deve essere punito severamente!

  7. Scandaloso!!! Fate urgentemente qualcosa!!!

  8. Complimenti (come sempre) all’ENPA per l’attenzione che presta alle normative che riguardano il benessere dei nostri animali. Non sarebbe il caso di lanciare una petizione per sollecitare l’adeguamento dei macelli e il relativo controllo da parte delle autorità preposte?

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com