Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / Abruzzo: si discute la proposta di legge per la soppressione del cane “su richiesta del proprietario”

Abruzzo: si discute la proposta di legge per la soppressione del cane “su richiesta del proprietario”

“A sei mesi di distanza dalla sentenza della Corte di Cassazione che conferma la condanna per uccisione di animale proprio a carico di due veterinari pubblici dell’Aquila, convinti che i cani potessero essere uccisi ‘se richiesto dal padrone’, la quinta commissione consiliare permanente del Consiglio regionale dell’Abruzzo licenzia una proposta di legge incostituzionale e dannosa, che introdurrebbe la possibilità di effettuare la soppressione eutanasica degli animali da affezione su richiesta del proprietario “e per fondati motivi di ordine sanitario e/o sociale”.

Una previsione incostituzionale in quanto è in contrasto con la Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo e con l’articolo 544 – bis del Codice penale che punisce con la reclusione fino a quattro anni chiunque per crudeltà o senza necessità cagiona la morte di un animale.

Per questo chiediamo che la proposta di legge sia ritirata e l’istituzione di un tavolo che preveda anche la presenza delle associazioni animaliste per  la redazione di un nuovo testo.

L’eutanasia essendo un atto medico, può dunque essere decisa solo da un veterinario e solo per casi di particolare gravità e non dal proprietario o detentore dell’animale. Decidere per la soppressione in mancanza delle condizioni previste dalla legislazione vigente, può portare il proprietario o il detentore, ma anche chi la effettua a rischiare una denuncia per articolo 544-bis del codice penale.

Altro aspetto di incostituzionalità è la previsione dell’abbattimento dei cani inselvatichiti. Anche in questo caso la norma è in palese contrasto con la legge sul randagismo e con il Codice penale. I cani inselvatichiti sono cani e pertanto ricadono sotto la tutela giuridica degli animali d’affezione.

La proposta di legge non tiene inoltre conto delle importanti novità normative contenute nelle Ordinanze ministeriali in materia di misure per l’identificazione e la registrazione della popolazione canina, bocconi e esche avvelenate e tutela dell’incolumità pubblica dall’aggressione dei cani, né fornisce precise indicazioni sulle modalità di detenzione e gestione degli animali al proprietario e ai gestori delle strutture non riempiendo così un vuoto normativo che una nuova legge deve necessariamente colmare.

E nessun accenno alla legislazione nazionale che istituisce il diritto di prelazione per la gestione dei canili in favore delle associazioni animaliste e la presenza obbligatoria tali associazioni all’interno delle strutture gestite da privati al fine di promuovere le adozioni!

Persino il pronto soccorso veterinario non è correttamente normato: sebbene chiarisca che i Servizi veterinari debbano garantire le prestazioni di pronto soccorso, è un passo indietro rispetto alla legge regionale vigente poiché sparisce la previsione che canili sanitari devono essere “dotati di un servizio con reperibilità permanente di pronto soccorso”. Una grave lacuna anche in considerazione del nuovo Codice della Strada.”

Comunicato stampa di Ilaria Innocenti, responsabile LAV Cani e gatti.

Foto: archivio.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

3 Commenti

  1. Basta leggi contro animali specialmente i cani. Ma punire crimini su loro abbandono e tutto il resto. Ora anche rapiti non se né può più

  2. Perchè invece di pensare a sterminare i cani, il consiglio regionale abruzzese non inizia a fare qualcosa per questo territorio che stando alle utlime statistiche è l’ultimo d’Italia per ogni cosa?

    Ahh dimenticavo, questi sono del PDPDL (e liste associate), il peggio del peggio.
    http://www2.consiglio.regione.abruzzo.it/presidenza/Docuvari/Consiglieri_IX.asp

    Sono l’antipolitica, contro le persone, contro l’ambiente (vedasi la recente questione del petrolio nell’entroterra dell’abruzzo, tutti voltati dall’altra parte) e ovviamente con sommo piacere immagino, contro gli animali.

    Vi divertite a discutere leggi che permettono di ammazzare i cani?
    Ma che razza di gente siete?

    Perchè invece non rispondete a questo?
    http://www.iduepunti.it/lettera-aperta/12_ottobre_2013/labruzzo-e-il-petrolio-lettera-ai-consiglieri-regionali

    Siete tutti muti, ma per ammazzare i cani vi pronunciate con discussioni su proposte di legge vedo.
    Che grande impegno civico e politico, complimenti.
    Cosa c’è dietro?

    Caporale incazzati che mi sembri l’unico in grado ssà dentro!!!
    Chiodi perchè ti vai nascondendo?

    VERGOGNA!

    Tanto è incostituzionale, purtroppo per voi, almeno studiate le fonti del diritto prima di spararle grosse alla Gelmini!

  3. Questa legge deve essere cambiata . Nessuno può decidere sulla vita degli altri . Noi siamo la voce di chi non può parlare —-

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com