Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Cronaca / [VIDEO] L’incredibile salvataggio del coyote intrappolato nel filo spinato

[VIDEO] L’incredibile salvataggio del coyote intrappolato nel filo spinato

I video che riportiamo nell’articolo sono tre, e vi consigliamo di guardarli uno dietro l’altro. Mostrano infatti, dall’inizio alla fine, il difficile intervento di soccorso ad un coyote da parte di una comune coppia di cittadini.

Il predatore era stato notato malamente intrappolato nel recinto di filo spinato disposto da un allevatore della zona.

È evidente fin dalle prime scene che il filo spinato ha causato danni piuttosto gravi, attorcigliandosi attorno alle zampe dell’animale, penetrando fin nella carne viva e obbligando il coyote ad una torsione del corpo innaturale e certamente dolorosa.

L’animale, quando la coppia di residenti si avvicina, è in “freezing” (immobile) e terrorizzato.

I coniugi si accorgono immediatamente della gravità della sua situazione e sono ben consapevoli di non poter chiamare le istituzioni: “Non possiamo chiamare nessuno”, dice la signora al marito, “Non appena vedono che è un coyote lo ammazzano, a loro non interessa”.

Ed è vero: in molti Stati degli USA, questo predatore è malvisto e mal tollerato e oggetto di una caccia feroce.

La coppia decide quindi di tentare il possibile per soccorrere, da sola e con gli strumenti a disposizione, l’animale in difficoltà. E nonostante il coyote faccia scattare i denti a poca distanza dalla mano dell’uomo quando questo cerca di accarezzarlo sulla testa, si lascia toccare nella parte posteriore del corpo, su schiena, zampe e coda, rimanendo calmo e immobile.

Un comportamento quasi incomprensibile per i due coniugi, tanto da spingerli a pensare che l’animale si sia spezzato la schiena nell’impatto e non abbia più alcuna sensibilità agli arti.

Così non è, ma lo si intuisce solo alla fine. L’animale, perfettamente consapevole dell’aiuto che gli viene dato, resta semplicemente immobile permettendo agli esseri umani di fare tutto il necessario per liberarlo. E solo dopo se ne va, zoppicando, ma in condizioni che lasciano sperare un buon recupero.

Vi consigliamo di guardare dall’inizio alla fine questa splendida storia di compassione.

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

Un commento

  1. grandi ,bel lavoro !grazie.

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com