Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Addii / Nuova Scozia: cacciatori uccidono l’alce albino sacro alle tribù native

Nuova Scozia: cacciatori uccidono l’alce albino sacro alle tribù native

Hanno ucciso un rarissimo alce albino, considerato animale sacro dalla popolazione dei Mi’kmaq, e poi si sono scattati una foto ricordo. È successo in Nuova Scozia alcuni giorni fa, quando tre cacciatori si sono messi a celebrare l’uccisione assurda e immotivata dell’animale, esposto senza vita a mo’ di trofeo.

Le foto dell’alce bianco sono state pubblicate sulla pagina Facebook “Hnatiuk’s Hunting and Fishing”, e hanno immediatamente scatenato un acceso dibattito tra i commentatori.

Ai nativi Mi’kmaq le celebrazioni non sono piaciute affatto. L’uccisione e l’ostentazione dell’alce sono state considerate irrispettose e frustranti. Uno dei leader della comunità Mi’kmaq della zona ha commentato: “Trovo triste assistere ad una cosa come questa, e vedere questo particolare animale messo in mostra come un trofeo quando invece è qualcosa di tanto significativo e spirituale”.

Spiega un altro portavoce: “Da 500 anni proviamo ad insegnare ai non nativi l’importanza che questo ed altri animali giocano nelle nostre vite. Spieghiamo loro che non vanno feriti in nessun modo perché potrebbero essere la reincarnazione di uno dei nostri antenati, tornata per ricordarci qualcosa di importante. È stato molto irrispettoso quanto accaduto e la gente è arrabbiata”.

I cacciatori (padre, figlio e un loro amico) pare non avessero idea che l’animale abbattuto fosse considerato tanto prezioso per i nativi. In ogni caso, ne hanno decapitato il corpo e si sono portati a casa la testa per appenderla al muro.

Nelle foto: l’alce albino ucciso (fonte NationalPost).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

3 Commenti

  1. I Nativi sono (erano purtroppo) un grande popolo, hanno vissuto in pace per 13.000 anni (c’è chi azzarda di più) rispettando la natura e ignorando sistemi monetari (che è qualcosa di impensabile se ci si riflette per un attimo, milioni di persone per oltre 130 secoli…incredibile!).
    Un’armonia pressochè perfetta con il creato.

    Se si studia la loro storia e si guarda nella loro memoria si possono trovare degli insegnamenti immensamente grandi, riguardo ogni ambito della vita propria, o altrui.
    Chiaramente nessuno è perfetto, ma il livello di coscienza raggiunto da questi popoli è qualcosa di sbalorditivo.

    Che belle foto eh? Adesso però si possono abbattere i tre deficienti che ridono?

  2. che infinita tristezza. ignobili persone; spero che muoiano ammazzate

  3. La gentaglia immonda ci stà pure in Scozia,Vergogna!

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com