Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
Home / Campagne / [PETIZIONE] Situazione randagi in Bosnia: non troppo diversa da Romania e Ucraina

[PETIZIONE] Situazione randagi in Bosnia: non troppo diversa da Romania e Ucraina

È cosa nota l’approvazione della legge rumena che di fatto prende in esame l’eutanasia come unico metodo di contenzione del randagismo. È altrettanto famigerato il trattamento dei cani senza casa in Ucraina, come denunciato ormai da anni dal nostro attivista Andrea Cisternino.

Della Bosnia, tuttavia, si parla poco e la morte dei randagi cade sotto silenzio e in pochi la raccontano (noi lo avevamo già fatto in questo articolo).

Secondo quanto riportato da In Memory Of Vucko, le autorità della Bosnia-Erzegovina avrebbero intenzione di prendere come esempio la modalità di gestione dei randagi rumeni e di sterminare i cani senza casa su tutto il territorio nazionale.

Una cosa che, per inciso, accade già da tempo nonostante la legge, sulla carta, non preveda l’uccisione dei cani.

Questo tipo di incoerenza è dovuta, come molto spesso accade, alla mancata volontà di una certa classe politica di applicare strumenti di prevenzione del randagismo che siano umani e compassionevoli.

E così, sebbene la legge bosniaca consideri illegale l’eutanasia se non in casi ben precisi (nella fattispecie: se l’animale è in uno stato di sofferenza incoercibile; se ha raggiunto un’età troppo avanzata e la sua qualità di vita si è deteriorata irrimediabilmente; se è infetto, contagioso e non può essere curato; se è pericoloso per l’incolumità umana), i cani vengono “eutanasizzati” in maniera del tutto casuale in completo spregio delle regolamentazioni.

La legge bosniaca prevede anche che ogni città sul territorio nazionale si fornisca di rifugi nei quali ricoverare gli animali. In nessuno di questi rifugi dovrebbe essere applicata l’eutanasia, eppure i cani vengono lasciati letteralmente a morire di fame, di inedia, di malattia.

Ora, il governo vorrebbe modificare la legge in modo da approvare la soppressione in tutti i canili entro 15 giorni dall’ingresso dell’animale nella struttura.

Suona familiare? Certamente. È ciò che prevede la nuova legge rumena. Ed è una scusa ideale per sopprimere indiscriminatamente invece di praticare metodologie realmente funzionali alla risoluzione del problema randagismo, ossia le sterilizzazioni massicce.

La discussione della legge nel parlamento bosniaco è fissata per il prossimo 5 ottobre 2013 e le associazioni del posto stanno facendo tutto quanto in loro potere per far sì che le norme non vengano modificate, peggiorando esponenzialmente una situazione già disastrosa.

“Per favore, siate consapevoli del fatto che sebbene l’eutanasia possa sembrare un modo logico di gestire il randagismo endemico, si tratta solamente di un metodo assai costoso che non risolve il problema. Inoltre, i cani vengono spesso uccisi in modo brutali. Questo tipo di gestione si è rivelata fallimentare in numerose nazioni, mentre da tempo si evidenzia come il problema sia realmente risolvibile solamente con un corretto programma di sterilizzazioni a tappeto”, precisa In Memory of Vucko.

A questa pagina c’è una petizione che chiede al governo bosniaco di utilizzare un metodo umano e compassionevole di gestione e controllo del randagismo. Vi consigliamo di firmarla e di condividere questo articolo perché la situazione bosniaca non passi ancora sotto silenzio.

Nelle foto: le condizioni dei randagi in Bosnia-Erzegoniva (fonte In Memory Of Vucko).

© All4Animals - tutti i diritti riservati - la riproduzione di questi contenuti è soggetta all'autorizzazione dell'autore degli stessi.

17 Commenti

  1. Shame on you!!! The world is watching your heartless cruelty!!!

  2. diego misturelli

    l’ennesima dimostrazione che i popoli del est sono popoli primitivi, questo grazzie anche
    all’ideologia idiota del comunismo.

  3. Coloro che permettono queste atrocità sono persone che vanno aiutate perché sono distanti dall’umanità

  4. CRUEL !!!!!!!!!!!!!!

  5. Non mi piace essere maleducato…ma sono dei grandissimi infami e vigliacchi!..

  6. Sempre peggio, purtroppo!!!!!!!!! Non si sa davvero più cosa scrivere! E’ un’ecatombe infinita! Per quel che può valere, firmata petizione!

  7. Criminali, sono dei maledetti miserabili!
    Dovete ardere per tutto il male che fate!

  8. Man nennt sowas Trittbrettfahrer !
    Es kann doch nicht wahr sein das sich alle Ostländer zurück entwicken in die Barberei, wir leben im Jahr 2013 und nicht im 1000 !!! Entwickelt sich euer Hirn zurück in die Zeit der Barbaren !!!! Tiere wurden uns von Gott anvertraut, und nicht ausgeliefert !!! Hört mal auf mit dem Fleisch essen, vieleicht werdet ihr dann wieder Menschen mit Gefühl für schwächere !!!!!

  9. perché non ammazzano, se proprio, i delinquenti, che abbondano?

  10. Dov’è il vostro cuore?????????? Bastardi !!!!!!!!!!!

  11. non si possono vedere paesi ancora trattare animali in questo modo………

  12. solo dei bastardi possono commettere cose del genere, vigliacchi

  13. perche tanta cattiveria cosi gratuita …governo di bosnia gente di bosnia siate piu compassionvoli cè un DIO che guarda e poi paghera’ con gli interessi vendicherà di quello che avete fatto

  14. Una cosa veramente orribile!!!

  15. Elisa Lionello

    Sperando con tutto il cuore che questo inferno per queste meravigliose creature possa finire!Attenti all’uomo!!Ecco la razza da sterminare!!!

  16. Figli di puttana bastardi schifosi maledetti morite tutti

  17. povere creature!!!! perché tutta questa crudeltà verso gli animali e non solo perché!!!?

I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Più info | Ok, Accetto!
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com